evangelici.net - l'alternativa cristiana in rete
RSS
Cerca

Gli Speciali di Evangelici.net

Com'è un "tradizionale" Natale Turco?


Forse in Italia molti tra noi Cristiani Evangelici non ritengono appropriato celebrare il Natale ed altre festività da un punto di vista biblico. Altri credenti, invece, considerano il Natale soltanto una festa consumistica, nella quale non è più possibile testimoniare l'importanza della nascita del Salvatore. Per questi motivi può sorprenderci sentir parlare di celebrazione del Natale in Turchia.

Come potrà mai essere un "tradizionale" Natale turco? Questa è una domanda che in Turchia molti credenti evangelici, convertiti dall'Islam, si sono posti. Per anni hanno osservato i Cristiani stranieri confezionare dolci, decorare alberi, scambiarsi doni e partecipare a rappresentazioni natalizie, ma nessuna di queste tradizioni appartiene alla cultura turca.

In generale, i simboli del Natale nei paesi occidentali confondono i Turchi. Molti, infatti, ritengono che il 25 Dicembre sia l'inizio del nostro nuovo anno, perciò i Babbo Natale e gli alberi adorni di palline e luci abbondano anche in Turchia a "Yil Basi" (Capodanno).

Per i Turchi, musulmani al 99,9%, celebrare le feste ("bayram") significa disfarsi delle cose vecchie, far visita a parenti e vicini, bere i fiumi di tè, gustare piatti speciali con gli amici e fare interminabili passeggiate insieme per le strade.

Il problema che vivono i nuovi Cristiani turchi è che questi piacevoli ricordi sono associati alle due principali festività islamiche: la Festa del Sacrificio ed il Ramadan (Ramazan, in Turco), il mese nel quale è previsto il digiuno diurno.

Diversi anni fa, in Turchia, i nostri fratelli e le nostre sorelle espressero il desiderio di creare "tradizioni" appropriate per celebrare la nascita, la morte e la risurrezione del Signore Gesù, ma avevano bisogno di aiuto. Volevano esaminare e capire come gli Occidentali le celebrano. Volevano sapere in che modo le chiese storiche vedono il Natale e la Pasqua. Volevano cogliere ciò che pareva loro più appropriato per queste occasioni, in relazione alla loro cultura e creare così delle nuove "tradizioni", che offrissero loro e ai loro figli un senso di stupore e di attesa commisurata alla grandezza del dono di Dio in Cristo. Da questo nacque l'idea di celebrare non soltanto il giorno di Natale, ma il tempo dell'Avvento del Signore Gesù.

I credenti evangelici turchi notarono che le chiese storiche hanno suddiviso l'anno in tempi e momenti, che culminano con la celebrazione dell'opera di Dio tra gli uomini, momenti nei quali il tempo in senso cronologico (kronos) divenuto il tempo di un intervento divino nella storia (kairós).

Per queste ragioni, ritennero che celebrare il tempo dell'Avvento fosse la cosa migliore, sia da un punto di vista storico sia in relazione alla cultura del loro popolo, caratterizzata da un forte spirito comunitario. In Turchia la celebrazione dell'Avvento prevede attività da svolgersi nel corso dell'intero mese che precede il Natale. Ci si scambiano visite tra membri di chiesa, si invitano parenti e amici, si offrono "tuzlu" e "tatli" (pietanze e dolci), accompagnati ovviamente da tè caffè "alla turca".

Le chiese evangeliche turche pubblicano un libretto illustrato per il tempo dell'Avvento (in Turco: "Dogusa Hazirlik Guncesi"), che contiene passi biblici e canti natalizi. Le famiglie cristiane sono incoraggiate a testimoniare agli amici, a cantare e ad adorare insieme. I bambini colorano le illustrazioni, le ritagliano e preparano lavoretti artigianali. Ogni giorno nelle case dei credenti c'è un momento di lettura biblica in famiglia e tutti sanno che, nelle altre città della Turchia, ci sono fratelli e sorelle che pregano e cantano come loro, che leggono e meditano passi inerenti le stesse verità della fede.

Salve! Merhaba!

Gianluigi e Marina Bevegni
per Turkish World Outreach in Italia - Email:

Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti