evangelici.net - l'alternativa cristiana in rete
RSS
Cerca

Gli Speciali di Evangelici.net

Quando l'AIDS nella chiesa è una realtà quotidiana


Quando l'AIDS nella chiesa è una realtà quotidiana

Sembra impossibile immaginare che possa accadere quanto segue, eppure è una realtà quasi quotidiana nei Paesi colpiti dall'AIDS e in molti centri Compassion.

In un nostro centro in Uganda, ogni domenica, i bambini che durante la settimana sono rimasti orfani a causa dell'AIDS vengono fatti alzare e presentati alla chiesa alla fine della riunione. “Chi può prendersi in casa un bambino?” chiede il pastore. La maggior parte dei membri non possiede quasi nulla, eppure si alzano delle mani, e i bambini vengono accolti nelle famiglie. Purtroppo il numero di nuovi bambini bisognosi di aiuto, aumenta settimana dopo settimana. Incredibilmente, nonostante la maggioranza delle persone si stia già impegnando oltre le proprie possibilità, non c'è domenica in cui dei bambini rimangano in piedi ad aspettare: per ognuno di loro c'è sempre qualcuno disponibile. E' incoraggiante pensare questa è una scena che si ripete spesso in altre chiese ugandesi.

Il virus dell'AIDS colpisce un numero sempre maggiore di bambini registrati nei centri Compassion. Il fondo “Bambini vittime dell'AIDS” è stato concepito per aiutare Compassion a combattere questa epidemia mortale. L'obiettivo a lungo termine è quello di far sì che negli anni a venire questa malattia contagi un numero sempre minore di bambini e famiglie, mentre oggi è vero il contrario.

L'intervento di Compassion sul campo

I centri operativi forniscono cure e medicine ai contagiati, sia bambini che genitori, effettuano analisi del sangue e offrono consulenza gratuita. Compassion ha messo a punto negli anni appositi programmi di formazione e prevenzione rivolti ai responsabili e i membri di chiesa, agli operatori dei centri, ai genitori, ai giovani e ai bambini stessi. Se le cure mediche e l'educazione sanitaria sono di importanza vitale, è altrettanto importante occuparsi dei bambini che a causa dell'AIDS hanno perso i genitori o le persone che si occupavano di loro. A questi piccoli rimasti completamente soli vengono forniti un tetto, del cibo, vestiti, coperte, e altri beni di prima necessità. Compassion vuole anche assicurarsi che, nei casi in cui i bambini vengano accolti in casa, sia effettivamente possibile fornire loro le risorse e l'aiuto concreto di cui hanno bisogno, senza che questo debba gravare ulteriormente sulle già difficili condizioni delle famiglie che li ospitano. Sempre in Uganda è inoltre allo studio la costruzione di un villaggio per gli orfani dell'AIDS in cui, a differenza degli altri orfanotrofi

Una compassione attiva

Chi fornisce il suo contributo al fondo “Bambini vittime dell'AIDS” con una donazione specifica, ha l'opportunità di mostrare amore in maniera tangibile a persone che spesso sono completamente emarginate dalla società e dall'ambiente in cui vivono. L'amore di Dio può, ancora oggi, operare in maniera visibile nella vita di queste persone attraverso il donatore che, sebbene a distanza, può far sì che la compassione di Dio raggiunga i sofferenti. Il nostro desiderio è che ogni persona che viene a conoscenza dei bisogni delle persone che soffrono a causa dell'AIDS, possa provare lo stesso sentimento di Gesù, che, vedendo le folle, ne aveva compassione (Matteo 9:36).

Per dare il proprio contributo 

I fondi verranno utilizzati per:

Per ulteriori informazioni: http://www.compassion.it/aidsdefault.asp

COMPASSION ITALIA ONLUS
Adozioni a distanza
Via Corio 15 - 10143 Torino
Tel 011.7710212 - Fax 011.7768231
http://www.compassion.it

Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti