La rivoluzione del primo cristianesimo

Notizia inserita il 25/10/2018 alle 10:14 nella categoria: Dall'Italia

Interessante excursus di Marco Rizzi nel primo cristianesimo.«L’idea che il cristianesimo fosse una "filosofia" - scrive sul Corriere - rimase costante nel pensiero cristiano di tutti i primi secoli»: fino a quel momento «la religione costituiva anzitutto un’attività pubblica, un "fare" che si concretizzava in riti e sacrifici, cui assistere e partecipare; nessuno vi collegava un "credere"», mentre «il discorso su Dio era invece proprio della filosofia».

Il cristianesimo, invece, "affacciandosi nel mondo greco e romano dopo la sua genesi nell’ebraismo" ebbe il pregio di legare insieme tutti questi ambiti: la pratica cultuale, la conoscenza relativa a Dio, e una conseguente "etica esigente che a sua volta si alimentava alla liturgia e alla lettura della Bibbia".

[nella foto tratta da corriere.it: Cristo tra i dottori, un affresco realizzato da Giotto di Bondone (1267-1337) e dalla sua bottega nel transetto destro della basilica inferiore di Assisi]


Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/notizie/1540455288.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale è benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus
 

 

261
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti