"Sì" alla famiglia tradizionale, cristiani in festa a Roma

Notizia inserita il 21/6/2015 alle 20:17 nella categoria: Dall'Italia

ROMA - È stato un evangelico ad aprire la manifestazione "Difendiamo i nostri figli", che sabato pomeriggio ha portato in piazza a Roma centinaia di migliaia di persone da tutta Italia in difesa della famiglia tradizionale tutelata dalla Costituzione e contro l'indifferentismo di genere. Giacomo Ciccone, presidente dell'Alleanza evangelica italiana, chiamato a inaugurare la serie di interventi dal palco di piazza San Giovanni, ha ribadito che il matrimonio è «una unione di un uomo e una donna che scelgono pubblicamente di portare avanti insieme un progetto condiviso, in solidarietà e fedeltà, e aperto alla genitorialità», un progetto che non è stato "inventato dal il cristianesimo" ma che «è impresso da Dio nella creazione. Quindi il matrimonio esiste da sempre e per sempre fintanto che ci sarà questo mondo».

Il presidente Aei nel suo intervento ha inoltre espresso «preoccupazione per il disegno di introdurre un pensiero unico segnato dall’indifferentismo sessuale e di genere, dalla ridefinizione surrettizia del matrimonio, dall’invasione di campo dello Stato nella responsabilità all’educazione sessuale e dell’affettività che compete ai genitori. Pluralismo non significa indifferentismo e società aperta non significa che tutto va bene».

La presenza in piazza dell'Aei e di centinaia di evangelici, tra cui si contavano esponenti del mondo della cultura e delle istituzioni, testimonia sulla tematica della famiglia tradizionale una «sintonia con il comune sentire degli evangelici - precisa una nota dell'Alleanza -, la stragrande maggioranza del protestantesimo italiano».

A margine della manifestazione gli organizzatori hanno espresso «soddisfazione per la riuscita della splendida manifestazione di ieri a San Giovanni»; Massimo Gandolfini, del comitato "Difendiamo i nostri figli", parla di «una piazza di luce e di verità, senza nessun accento di tipo omofobico o discriminatorio» e ribadisce il «no deciso ai matrimoni omosessuali, alle adozioni gay, all’educazione gender nelle scuole di ogni ordine e grado».

La massiccia partecipazione segna un risultato particolarmente significativo, riflette il comitato, per un'iniziativa messa in piedi in appena venti giorni e che, viene anticipato, potrebbe venire riproposta: «se necessario - rimarca Toni Brandi, presidente di ProVita Onlus - riscenderemo in piazza qualora le nostre voci non verranno ascoltate dai politici».

(nella foto pubblicata su Twitter dal sen. Malan, la folla presente sabato in piazza San Giovanni)

Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/notizie/1434910676.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale è benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus
 

 

4382
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti