L'atroce mattinata di Malatya

Notizia inserita il 30/4/2007 alle 18:29 nella categoria: Chiesa Perseguitata

SMIRNE (Turchia) - Le lettere della chiesa di Smirne e di Diyarbakir, in Turchia, raccontano i drammatici fatti di Malatya, dove giovedý 19 aprile tre missionari evangelici hanno perso la vita in un feroce attacco di giovani estremisti islamici. Nel documento di Smirne viene ricostruita nei particolari l'ultima mattinata dei turchi Necati Aydin e Ugun Yuxksel e del tedesco Tillmann Geske: l'arrivo nella sede della missione Zirve, lo studio biblico interrotto dagli assassini, le torture, l'assassinio e il ritrovamento da parte di un altro evangelico che quella mattina si era attardato a casa.

La lettera, tradotta da Andrea Diprose e rivista da evangelici.net, Ŕ disponibile alla pagina http://www.evangelici.net/speciale/attualita/smirne.html.

È disponibile anche il resoconto della chiesa di Diyarbakir, che presenta la relazione sui fatti di Malatya di tre testimoni oculari: "le torture ci sono state - precisano i tre - ma bisogna ridimensionare le voci corse in questi giorni e le notizie diffuse dai media internazionali".

Notizie correlate:
- Turchia, attacco a casa editrice cristiana (18/4/2007)
- Le reazioni alla strage di Malatya (20/4/2007)
- L'atroce mattinata di Malatya (30/4/2007)
- Allarme tra i cristiani in Turchia (14/3/2014)
- Prima sentenza a nove anni dall'orrore di Malatya (13/2/2016)

Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/notizie/1177950548.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale Ŕ benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus
 

 

830
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti