Verdi e la fede di Don Carlo

Media&Fede del 29/11/2019

«Studio quest’opera da più di trent’anni. È difficile, ci sono sei personaggi enormi, più il frate. Non credo che il punto centrale sia l’amore tra Elisabetta e Carlo. Credo che il protagonista sia Dio, cioè il modo in cui ogni protagonista, in maniera diversa, si relaziona a Dio. È lo specchio della relazione di Verdi con Dio, che non è quella di un praticante ortodosso. Se Elisabetta è la più vicina all’idea della fede, l’inquisitore è il meno religioso di tutti e il più politico». Così Myung-whun Chung, direttore d'orchestra coreano, racconta al Corriere la dimensione spirituale del Don Carlo verdiano.

Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/mediaefede/1575045900.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus
Opzioni di condivisione
Media&Fede recenti:

226
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti