La cultura del superlativo

Media&Fede del 29/4/2019

«Siamo la cultura del superlativo, dell’esternazione e dell’iperbole enfatica che provoca emozione... È l’insofferenza al comparativo. È il trionfo della dimensione emotiva, come l’iperbole, l’apostrofe, l’esclamazione, l’appello, la parolaccia greve e l’insulto grave. Viviamo in un mondo emozionale, siamo portatori di intonazioni e prosodia più che di senso... Tramontano invece le figure della riservatezza, dell’attenuazione, del sottinteso, dell’allusione. Anche le richieste di privacy sono urlate». Così Paolo Fabbri, intervistato sul Corriere.

Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/mediaefede/1556522964.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus
Opzioni di condivisione
Media&Fede recenti:

354
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti