Giovannino Guareschi - Don Camillo e Peppone

Recensione del 4/2/2014

La saga del sindaco comunista e del parroco brusco e pragmatico è entrata nell’immaginario collettivo e rappresenta plasticamente un tempo non lontano ma irrimediabilmente perduto: l’Italia degli anni Cinquanta, provinciale e ideologicamente schierata ma capace di esercitare solidarietà e buonsenso nel momento del bisogno o per il bene della comunità. Un “mondo piccolo” ben tratteggiato da Guareschi nei suoi racconti, divenuti nel tempo una serie di libri (e poi di altrettanto fortunati film). Rizzoli raccoglie i primi quattro volumi (Don Camillo, Don Camillo e il suo gregge, Il Compagno Don Camillo, Don Camillo e Don Chichì) in una edizione ragionata che ripropone l’ordine voluto dall’autore.

Vent’anni di storia italiana, dalle elezioni del ’48 alla contestazione del ’68, vissuti attraverso le avventure di Peppone e Don Camillo - ormai inevitabilmente caratterizzati dai volti di Cervi e Fernandel - che continuano ancora oggi a parlare attraverso le storie in bianco e nero di Guareschi, come continua a parlare quel “Cristo Crocifisso” - vero e proprio comprimario della saga, insieme al sindaco e al parroco - che, con le sue risposte sobrie e fulminanti, cheta i bollenti spiriti del curato più simpatico della letteratura italiana e con i suoi aforismi offre anche a noi, ipertecnologici del XXI secolo, qualche utile spunto di riflessione.

Don Camillo e Peppone
Autore: Giovannino Guareschi
Editore: Rizzoli
Anno: 2011
Pagine: 1133
Prezzo: € 32,00

comments powered by Disqus
 

 

10775
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti