(Optional) This text will appear in the inbox preview, but not the email body.
Guida alla settimana - a cura di evangelici.net
Qui il tuo banner

Com’è andata la settimana?
Breve percorso ragionato
tra fede, valori, morale


La sorpresa è servita: Donald Trump sarà il 45.mo presidente degli Stati Uniti. Ora, naturalmente, è la fase del classico "io l'avevo immaginato", ma chi ha seguito insieme a noi la campagna elettorale sa che era l'ipotesi meno probabile: controverso, scorretto, gaffeur in privato ed estremista in pubblico. Eppure, a quanto pare, bastava un Trump - questo Trump - per battere Hillary Clinton. E ora Trump - questo Trump - varcherà da nuovo inquilino i cancelli di Pennsylvania Avenue.
A poche ore dall'elezione abbiamo voluto fare il punto della situazione con una analisi sul suo (incredibile) percorso verso la Casa Bianca e sul suo controverso (ma vincente) rapporto con la componente evangelica; se vi va lo trovate qui.

Nell'editoriale trovate cenno anche alla questione-Hillary e al luogo comune delle donne sconfitte, ma sul tema vale la pena di dare un'occhiata anche all'intervento di Massimo Gramellini, secondo cui le donne in politica perdono perché tentano di competere in aggressività con gli uomini, "senza però poterlo fare in cialtronaggine". E conclude, criticato dalle solite prevedibili vestali del femminismo, che «per infrangere il "soffitto di cristallo" della politica, le signore farebbero bene a estrarre da se stesse l’unica risorsa che le renderebbe davvero invincibili presso l’elettorato di entrambi i sessi: un approccio accogliente».

Venendo a cose più frivole, il sito del Corriere, tra le curiosità legate alle presidenziali, ha ricordato l'utilizzo della Bibbia per il giuramento, un uso non codificato ma ormai consueto (pur con qualche eccezione); il Post, richiamando un servizio della BBC, ha ricordato che in diversi Stati viene richiesto ai candidati di affermare "che Dio esista".

E restando negli Stati Uniti: come abbiamo accennato sabato scorso, Billy Graham ha raggiunto il traguardo dei 98 anni. Non se la passa benissimo e non ci sono stati particolari festeggiamenti com'era successo invece tre anni fa, quando venne organizzato un party con ottocento persone. Tra cui, chi l'avrebbe mai detto, c'era anche Donald Trump.

Che cosa è rimasto, in Svezia, della visita di Bergoglio? Mentre in Italia le analisi su riavvicinamenti e strategie hanno riempito le colonne dei giornali, nel profondo nord i media sono rimasti colpiti dalla sua posizione rigida e tradizionale sul ruolo della donna nella chiesa cattolica (ringraziamo Joshua per la dritta). Niente di nuovo, naturalmente: Bergoglio si è limitato a ribadire la posizione, per niente possibilista, di Giovanni Paolo II, una posizione evidentemente troppo granitica per la mentalità svedese (la cui apertura, a quanto pare, non è solo un luogo comune mediterraneo sopravvissuto a generazioni di racconti estivi).

L'incontro di Lund è stato parte di un processo di pace all'interno della cristianità, ha scritto Thomas Schirrmacher, segretario della commissione teologica dell'Alleanza evangelica europea; secondo Schirrmacher è stato siglato un vero "trattato di pace", in base al quale "fare i conti con le differenze attraverso un confronto pacifico, rigettando l'uso di armi non spirituali", concentrandosi sul "potere del vangelo". Non c'è stata nessuna "svendita della Riforma", ha continuato Schirrmacher rintuzzando indirettamente alcune posizioni critiche, né strategie occulte: «secondo alcuni il papa dissimula e, da gesuita, sta seguendo un piano segreto, completamente diverso da ciò che espone in pubblico. Papa Francesco - afferma l'esponente dell'Alleanza europea - è profondamente convinto che le Sacre Scritture, il Vangelo e lo Spirito Santo posseggono il potere necessario per guidare le chiese, sul lungo termine, a una più ampia unità, e a dare a ogni cristiano la facoltà di testimoniare personalmente la salvezza e la speranza offerta da Gesù Cristo a un mondo che sta morendo». Bergoglio, ricorda Schirrmacher, ha riconosciuto che «È Dio a prendere l'iniziativa, è Dio a preparare la nostra risposta. E noi riceviamo perdono e grazia solo in Gesù Cristo. Sarei contento - prosegue - se questa convinzione fosse condivisa da tutti i protestanti!». Schirrmacher conclude puntualizzando che l'invito di Bergoglio a intensificare la collaborazione non annulla le differenze teologiche, che vanno «discusse a fondo, anche se i punti di contatto di certo predominano».

Qui il tuo banner

Alle perplessità sul fronte cattolico risponde invece padre Bartolomeo Sorge, che non vede discontinuità tra Bergoglio e i suoi predecessori: il suo, scrive Sorge rispondendo alle obiezioni più comuni, è un «ulteriore approfondimento, alla luce del realismo di Dio. È il Vangelo della misericordia a chiedere che si prenda atto della complessità dei condizionamenti che, nella società di oggi, limitano la capacità di decisione di molte coscienze».

A proposito, avrete sentito della polemica che ha investito Radio Maria per un parallelo azzardato (a dir poco) su terremoto e unioni civili, definite "castigo divino" per "azioni commesse dalla nostra società". A commentare le parole dell'emittente ha pensato l'arcivescovo Angelo Becciu, sostituto alla Segreteria di Stato vaticana, parlando di affermazioni «offensive per i credenti e scandalose per chi non crede... che non rispondono alla teologia della Chiesa perché contrarie alla visione di Dio offertaci da Cristo».
Pare che nessuno, Oltretevere, abbia invece commentato le parole di Antonio Socci: il giornalista - non l'ultimo arrivato: dal 2004 è direttore, per conto della Rai, della Scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia - in un concitato tweet scritto tutto in maiuscolo ha accostato sisma, riavvicinamento con i luterani e consacrazione dell'Italia a Maria. Un pensiero in netta controtendenza rispetto alla linea di Bergoglio, ribadito poi su altri social con post e risposte agli utenti.

Anche lasciando da parte l'attualità più stretta, questa settimana la pagina degli esteri è piuttosto corposa. Si parla nuovamente dell'Indonesia in un servizio di Frontiere sulle violente polemiche contro un governatore cristiano che - lo abbiamo segnalato alcune settimane fa - vanno in scena a Giacarta e non accennano a fermarsi.

Porte Aperte lancia l'ultimo numero del suo Underground Magazine, dedicato ai giovani che hanno a cuore i cristiani perseguitati; l'avanzata della componente evangelica in Sudamerica viene analizzata da Livio Zanotti su Articolo 21, mentre in Inghilterra quest'anno pare sia scomparso dai tradizionali francobolli natalizi ogni riferimento biblico.

Cronaca italiana: sul fronte della difesa dei valori, ProVita annuncia di aver ottenuto la possibilità «di proiettare in diversi cinema un breve spot contro l'utero in affitto», che permetterà di «trasmettere un messaggio incisivo a tante persone che... forse non hanno mai riflettuto sulla natura e sulle conseguenze» della maternità surrogata. E, sempre sul tema dei valori, Manif pour tous segnala sui social che «nel noto programma Forumdi Rete4, il giudice ha dato ragione a una mamma che si era opposta all'insegnamento di teorie gender nella scuola del proprio figlio».

A Napoli, ampia intervista al pastore Michele Romeo sulla storia della chiesa evangelica di Secondigliano; intervento interessante che offre uno spaccato su una realtà poco nota. Peccato, solamente, per l'uso insistente di "parola" - proprio così, tra virgolette - per intendere Parola di Dio o messaggio del vangelo. Sarebbe stato meglio esprimere in maniera più chiara un concetto (fondamentale) che, per un lettore esterno, non è per niente scontato.

In Liguria, invece, il Comune di La Spezia intitola una strada al missionario battista inglese Edward Clarke, che visse e lavorò nella città per 46 anni, dal 1866 fino al 1912; l'intitolazione coincide con i festeggiamenti per i 150 anni di vita della comunità evangelica spezzina.

Negli stessi anni in cui Clarke iniziava la sua missione in Liguria, negli USA veniva composto uno dei brani più noti del movimento evangelico, "Gloria, gloria, alleluia". Che in questi giorni ha avuto grande visibilità: il manoscritto del brano (il titolo ufficiale in realtà è "The Battle Hymn of the Republic") è stato esposto per un paio di giorni a Washington, nell'hotel dove era stato composto oltre 150 anni fa, e tra un anno troverà casa presso l'erigendo Museo della Bibbia della capitale statunintense. "Gloria, gloria, alleluia" venne scritto nel periodo della Guerra civile e, raccontano le cronache, la prima volta che lo sentì eseguire Abramo Lincoln si commosse; cento anni dopo, durante le contestazioni degli anni Sessanta, divenne perfino - a ragione o a torto - un inno delle battaglie per i diritti civili. Una curiosità: l'inno più battagliero del repertorio evangelico è stato composto da una donna, Julia Ward Howe. E d'accordo, è stato cantato (e seguito a passo cadenzato) ovunque e da tutti, dal coro dell'Esercito Usa a Johnny Cash, ma per una volta vale la pena di riascoltarlo interpretato in chiave soul-gospel da un'altra donna, l'indimenticabile Whitney Houston.

Restando alla musica, proprio in queste ore dobbiamo salutare per l'ultima volta Leonard Cohen. Nemmeno un mese fa, in occasione dell'uscita del suo ultimo disco, il cantautore raccontava la sua serenità di fronte alla prospettiva del trapasso, tanto che, spiegava il Corriere, «la title track si chiude con un drammatico "Hineni, I’m ready, my Lord". "Eccomi", la parola ebraica che la Bibbia mette in bocca ad Abramo nel momento del sacrificio di Isacco, "Sono pronto, mio Signore"».

Dalla musica ai fumetti. È scomparso lo scorso 23 ottobre a 92 anni Jack Chicks. Nome poco noto, al contrario delle sue vignette, le inconfondibili strisce evangelistiche particolarmente in voga negli anni Settanta - la più celebre, probabilmente, "Questa era la tua vita" - ispirate da un approccio decisamente radicale - a volte un po' sbrigativo, a tratti semplistico, ma comunque suggestivo - su concetti fondamentali come la salvezza, la perdizione, Dio, il diavolo, le scelte di ogni uomo e le loro conseguenze.

Dai fumetti allo sport: nel 2005, in questi giorni, se ne andava prematuramente il wrestler Eddie Guerrero, noto anche per la sua fede cristiana.

Dallo sport ai libri: tra pochi giorni si tiene BookCity Milano (17-20 novembre); si parlerà, tra l'altro, di Kierkegaard, Lutero e Gesù.

E, sempre a proposito di libri, questa settimana riscopriamo insieme "Gesù e i saldi di fine stagione" di Bruno Ballardini.

Buona settimana con l’estratto di Riflessi etici (una riflessione sui concetti di corpo e anima in ebraico antico).

Qui il tuo banner

Se la newsletter vi piace, suggeritela ai vostri amici: iscriversi è gratuito e semplice, basta inviare una mail a notizie@evangelici.net con oggetto "Iscrizione Guida alla settimana". Anche solo per provare: se poi non vi interessa, scriveteci una mail (con oggetto "cancellazione") e non vi disturberemo più.

Se poi, mentre le foglie ingialliscono sui viali, vi sentite spinti a dimostrarci fattivamente il vostro apprezzamento, ci sono diversi modi per farlo. E grazie in anticipo.

evangelici.net - dal 1996 l'informazione cristiana in rete
responsabile editoriale: Paolo Jugovac | contatti: notizie@evangelici.net
seguici su Facebook - Twitter - Google+ - RSS