Casa Bianca, battaglia a tutto campo

Articolo inserito il 9/11/2020 alle 17:09

Con l'assegnazione della Pennsylvania a Biden si è virtualmente conclusa la corsa alla Casa Bianca: una contesa all'ultimo voto che, dai seggi, prevedibilmente si sposterà ora nelle aule di tribunale, Donald Trump ha già annunciato ricorsi e la richiesta di riconteggi negli Stati dove il margine è più risicato.

L'ultima settimana di campagna elettorale è stata particolarmente intensa e i due candidati hanno fatto ampi appelli ai credenti per accaparrarsene il voto. Il Texas è risultato uno tra gli stati chiave di questa tornata presidenziale anche grazie al suo serbatoio di voti religiosi: non a caso, registrava Giuseppe Sarcina sul Corriere, «Trump evoca anche "Dio", la dimensione spirituale. Stando al censimento del 2010, almeno il 56% dei texani dichiara di essere un fedele praticante». Qualche preoccupazione si registrava invece in Louisiana, «altro Stato del profondo Sud». Qui lo scrittore Rod Dreher offriva «un’analisi di grande interesse: Dreher - annotava Sarcina -, 53 anni, è un esponente di punta dei cristiani conservatori. Ha appena scritto un libro entrato nella classifica dei best-seller del New York Times: Live not by lies, a manual for Christian dissidents, edito da Sentinel. La tesi di fondo è che la sinistra radicale rappresenti una grave minaccia per il mondo religioso». Nonostante questo, Dreher prevedeva la perdita di consensi di Trump: "Penso che il 20% dei cristiani conservatori questa volta non voterà per lui. Con i suoi eccessi, i suoi atteggiamenti autoritari ha diviso anche noi".

Sull'altro fronte, mentre Joe Biden tentava di riconquistare la fiducia dei suoi confedeli cattolici, sono riemersi gli imbarazzi di una ampia fetta di elettorato per la sua posizione pro-aborto: The Atlantic ha approfondito la vicenda e le contromisure adottate dal candidato per disinnescare la questione; sull'altro versante però, spiega Repubblica, Biden ha potuto contare sui presbiteriani della Pennsylvania, altro stato chiave. A sostegno di Biden, negli ultimi giorni di campagna elettorale, è entrato in campo anche Barack Obama: l'ex presidente si è rivolto agli afroamericani in un video in cui cita Geremia 29:11, suggerendo che il piano di Dio per l'America passi per Biden: «Come persone di fede e come americani - ha dichiarato Obama -, abbiamo una chiamata più alta. Come ci dice il Signore, "Conosco i piani che ho per te, i piani per farti prosperare e non farti del male, per darti una speranza e un futuro"».

La sfida non ha risparmiato neanche i vice e relative consorti: la nostrana Adn Kronos ha puntato i riflettori su Karen Pence, moglie del vicepresidente Mike; descritta come una maestra elementare molto religiosa, la testata ricorda che la coppia è molto unita: «Si sono conosciuti nella chiesa cattolica che entrambi frequentavano... I Pence si sono sposati nel 1985 ed insieme si sono poi convertiti al cristianesimo evangelico nel 1995».

foto: theatlantic.com



Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/focus/1604938152.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus

344
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti