Cina, le mani del Partito comunista sulle comunità religiose 

Articolo inserito il 31/12/2019 alle 16:35

Il Corriere dedica un'intera pagina alla nuova linea del governo cinese nei confronti del cristianesimo. «Bisogna creare una teologia con caratteristiche cinesi», ha detto Wang Yang, membro del Comitato permanente del Politburo e responsabile per la supervisione sulle fedi riconosciute dal Partito, annunciando un intervento che prevede diverse fasi: «dopo una valutazione completa dei classici religiosi, si dovranno individuare i contenuti non conformi e procedere alle necessarie modifiche e aggiustamenti nella traduzione cinese». L'azione mira ad «allineare le fedi alla cultura cinese e all’autorità assoluta del Partito»; il leader Xi Jinping, da parte sua, ha già «messo in guardia dai "valori e dall’ideologia occidentale" (cristianesimo) e dall’"estremismo" (islam) e ha ordinato a tutti i fedeli di ogni confessione ammessa di essere anzitutto "patriottici"».

In attesa di capire come verrà messo in atto l'intervento, pare che in alcune chiese «sono già stati affissi manifesti che ricordano ai fedeli i valori socialisti, dall’eguaglianza alla prosperità, all’armonia e al patriottismo. E sotto la parola Patriottismo è stato inserito un brano di San Pietro intitolato "Sottomissione all’autorità"».

foto: corriere.it



Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/focus/1577806524.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale è benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus
 

 

500
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti