Un canto cristiano anima i manifestanti a Hong Kong

Articolo inserito il 25/6/2019 alle 09:40

Lo scorso 16 giugno a Hong Kong si è svolta una manifestazione di piazza senza precedenti: oltre un milione di persone (340 mila per il regime di Pechino, due milioni secondo altri osservatori) ha protestato - come succede da settimane - contro la riforma della legge sull'estradizione. Hong Kong, già colonia britannica, è entrata a far parte della repubblica popolare cinese nel 1997, pur con un regime di autonomia speciale necessario a evitare eccessive frizioni tra un'economia di stampo comunista e le complessità di una tra le metropoli simbolo del capitalismo. La manifestazione di domenica scorsa ha lanciato un segnale non solo per la riforma legislativa in questione - che è stata ritirata, con tante scuse da parte di Carrie Lam, governatrice cinese della città - ma più ampio, dando prova di una resistenza ancora forte e diffusa ai tentativi di normalizzazione: un milione di persone, a Hong Kong, rappresenta un abitante su sette.

Secondo fonti locali riprese dai media internazionali molti cristiani avrebbero aderito alla manifestazione, una presenza massiccia o comunque significativa, se un canto del patrimonio tradizionale cristiano, "Sing Hallelujah to the Lord" è diventato l'inno ufficioso della protesta. Lo confermano anche il Time, che testimonia come in questi giorni il brano sia stato cantato in numerose occasioni e diversi luoghi di incontro della città, il New York Times e Reuters (secondo la quale, tra l'altro, il 10% della popolazione di Hong Kong sarebbe cristiano).

foto: ansa.it



Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/focus/1561448455.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus

416
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti