La Svezia e i test della discordia

Articolo inserito il 19/2/2019 alle 16:43

In Svezia coloro che chiedono asilo per motivi religiosi - prevalentemente cristiani in fuga dalla persecuzione - devono sottoporsi alle domande di una commissione che tenta di valutare la veridicità della loro richiesta; pare però che la pratica, ideata per evitare abusi o scorciatoie da parte dei migranti, abbia qualche controindicazione, come ha rivelato un pastore evangelico di Uppsala.

L'uomo, insieme a un gruppo di amici, ha deciso di raccogliere le domande in un questionario che è stato poi diffuso online; il test, diventato presto virale, ha prodotto risultati disastrosi: più di centomila persone si sono cimentate nella prova, ma appena trecento hanno risposto correttamente ad almeno 6 quesiti su dieci.

Del resto si tratta di domande quantomeno particolari: si parte dal classico "in quante parti è suddiviso il Nuovo Testamento?" a un più tecnico "quali sono le differenze tra la chiesa protestante e quella ortodossa?", fino a un insidioso "qual è il tuo parere sulle posizioni maschiliste del Nuovo Testamento?". Domande improbabili, ma soprattutto, denuncia il pastore, piene di «pregiudizi e ignoranza sul vero significato della fede cristiana».

foto: christianheadlines.com



Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/focus/1550591036.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus

399
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti