Andamane, indigeni uccidono missionario

Articolo inserito il 30/11/2018 alle 09:52

Un giovane missionario americano è stato ucciso nel golfo del Bengala da una tribù indigena. John Allen Chau, ventisette anni, nonostante i divieti delle autorità ha provato a raggiungere l'isola di North Sentinel, nelle Andamane, dove vive una tra le tribù più isolate del mondo, meno di un centinaio di individui che non hanno alcun contatto con l'esterno.

Secondo il Corriere gli aborigeni «gli avevano fatto capire che la sua visita non era gradita», tanto che «ai suoi saluti stentati nella lingua del posto ("Sono John, vi amo e anche Gesù vi ama") avevano risposto con una freccia sulla Bibbia water-proof. Al secondo tentativo, ha raccontato la polizia indiana, gli avevano distrutto la canoa facendolo tornare a nuoto alla barca d’appoggio, a 500 metri dalla riva. Il mattino successivo, venerdì 16 novembre, John non è tornato. I pescatori che l’avevano accompagnato in quella missione illegale hanno visto i locali trascinare il suo corpo sulla spiaggia e seppellirlo».

foto: corriere.it



Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/focus/1543567939.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus

251
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti