Bibbia a teatro, Paolo Cevoli si racconta

Articolo inserito il 24/9/2018 alle 08:54

«È proprio così che si rivela l’amore di Dio: non sceglie i grandi, i perfetti, per attuare il suo disegno di salvezza e stabilire un’alleanza con l’uomo, ma rende grandi i piccoli»: è la sintesi di un colloquio di Famiglia Cristiana con Paolo Cevoli a margine del suo spettacolo dedicato alla Bibbia, andato in scena in questi mesi nei teatri di tutta Italia. Cevoli, con il suo stile ironico e pungente, riscopre un libro attuale, dove «ognuno può ritrovare un po’ di sé».

E, pur senza dimenticare che la sua vocazione non è quella del teologo, ricorda come «Dio assume la condizione umana per innalzarla. La Parola, quella con la maiuscola, non risuona nell’iperuranio, si è fatta carne e dà un significato nuovo a tutte le parole. Nella storia c’è il bene e c’è il male, ma dopo la Risurrezione di Gesù il male non è più l’ultima parola sull’uomo e sul mondo. L’ultima, definitiva parola, è una parola di bene».

foto: famigliacristiana.it



Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/focus/1537772077.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus

531
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti