Sudamerica, il traino evangelico

Articolo inserito il 31/5/2018 alle 09:37

In Sudamerica la rivincita dei partiti conservatori passa per il movimento evangelico: lo rileva Riccardo Stifani sul Fatto quotidiano in un'analisi che segnala come «Facendo proprie le rivendicazioni dei movimenti neo-pentacostali [sic], un insieme di oltre 19 mila chiese evangeliche protestanti che, sparse per tutto il continente, organizzano più di 100 milioni di fedeli (circa un quinto dell’intera popolazione sudamericana), i partiti conservatori sembrano aver trovato la posizione che stavano cercando».

Concentrato su alcune tematiche riferite ai valori tradizionali - in particolare l'opposizione all’ideologia di genere - e a scelte economiche neoliberiste, il patto tra chiese evangeliche e partiti conservatori «darebbe vita a una sorta di populismo reazionario orientato alle fasce più deboli, in cui rientra la maggioranza della popolazione dell’America Latina», che vede il voto alla chiesa evangelica come "una crociata contro il male". Tra l’altro di pari passo con l’avanzata evangelica si segnala da parte di quei Paesi una maggiore apertura di credito verso Israele.

foto: christianitytoday.com



Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/focus/1527752236.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus

523
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti