Progetto Archippo - Formazione cristiana permanente Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati. RegolamentoLeggi il regolamento completo  RSSIscrizione feed RSS

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

    
   I Forum di Evangelici.net
   Vita di chiesa e cammino cristiano
   Famiglia, sessualità, medicina e disabilità
(Moderatori: saren, andreiu, Marmar)
   Risposarsi secondo Dio
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 2  · vai in fondo · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Risposarsi secondo Dio  (letto 865 volte)
Rossella
Membro supporter
*****





    Rossella
E-Mail

Posts: 2423
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #15 Data del Post: 25.05.2018 alle ore 11:58:05 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 23.05.2018 alle ore 00:54:10, Milla wrote:
Bisogna chiedersi quale divorzio. Qua si parla, in termini giuridici, di un  frutto dell'albero avvelenato.  
Se una persona viene indotta a sposarsi con l'inganno o peggio (prendi a esempio i paesi in cui vigono culture schiaviste in cui una donna viene sequestrata a scopo di matrimonio, che è pure più aberrante), non direi proprio che quel matrimonio in particolare è voluto da Dio, anzi tutt'altro! Gli inganni e i crimini vengono dal diavolo, che inutile dirlo, è definito il padre della menzogna! Attenzione a non confondere l'istituto del matrimonio con i casi di matrimonio ordinari e biblici da un frutto dell'inganno. Ovvio che se le leggi del paese in cui si vive non contemplano l'annullamento o la nullità a seguito di illecito, ma solo il divorzio come rimedio a un reato, Dio lo sa e dunque non possiamo legarci a questioni puramente formali e dal significato letterale tout court.  
Dove lo vedi il bellissimo patrimonio in un vile inganno?  

Del tutto d'accordo!
Loggato

"Benedici, anima mia, il SIGNORE
e non dimenticare nessuno dei suoi benefici !".
JesusForEver
Osservatore
*



Io posso ogni cosa in Colui che mi fortifica!

   
E-Mail

Posts: 6
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #16 Data del Post: 25.05.2018 alle ore 13:27:01 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

E' Dio che sancisce il "bellissimo patrimonio" tra l'uomo e la donna e lo vedo solamente in questo senso; diverso è il discorso per come il tutto è interpretato dall'umanità che , con inganni  o con leggi confezionate ad hoc, non fanno altro che andare in controtendenza a ciò che ha creato Iddìo, e quello che mi chiedo è: possono le leggi terrene regolamentare ciò che è stato costituito da Dio? Poniamo il caso che una persona vorrebbe rifarsi una vita dopo un trascorso matrimoniale non proprio esaltante, è vero che il Signore vede i cuori...ma in altri fattori? DIVORZIO in primis? Dio ti benedica Sorriso
Loggato
Milla
Membro familiare
****





   
WWW   

Posts: 377
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #17 Data del Post: 07.06.2018 alle ore 04:30:21 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Nel mio bellissimo libro di risposte bibliche c'è scritto che nessuna soluzione umana è perfetta. Ma finchè vivremo su questa terra non possiamo fare a meno delle soluzioni umane (ovvio che queste non devono essere in contrasto con la Bibbia), ricordando che al momento della creazione il peccato non c'era. Da quando l'essere umano ha peccato ha bisogno di leggi terrene. Quando Dio creò il matrimonio il peccato ancora non era entrato nell'essere umano. Una volta entrato il peccato, quel che è distorto va regolamentato. Ricordandoci pur sempre che le prime leggi il popolo eletto le ebbe da Dio attraverso Mosè. Proprio per regolamentare le faccende distorte. Ora viviamo in un pianeta in cui le cose non stanno come furono costituite da Dio. Dio non costituì il vile inganno, questo lo fece il diavolo. E siccome l'essere umano preferisce dare retta al diavolo, ci vogliono le leggi per sistemare, pure alla meno peggio, quanto decaduto. Ovvio che sono preferibili le leggi sulla falsariga della Tanakh ebraica, che se le sappiamo leggere e interpretare conformemente anche al contesto storico, vedremo che proteggono la controparte debole, non fungono da scusante per il malvivente di turno. Il mio libro di risposte bibliche lo fa ben capire. Dio vi benedica Ciao
Loggato
Milla
Membro familiare
****





   
WWW   

Posts: 377
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #18 Data del Post: 07.06.2018 alle ore 04:52:24 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

ps: aggiungo solo questo: vero è che ci sono sempre i facinorosi che per amor di libertinaggio allargano a loro piacimento i rimedi legislativi e qua faccio soltanto l'esempio del divorzio perchè il coniuge si ammala (e allora?  chiunque si può ammalare finchè viviamo su questa terra). Ma la paura delle scusanti dei facinorosi non deve legittimare la reazione  del far cadere un'intera legge lasciando scoperti i casi pietosi senza il minimo riguardo. Noi che ci chiamiamo cristiani dovremmo comunque essere in grado di distinguere i casi legittimi da quelli pretestuosi. Ora che viviamo in un mondo globalizzato, dovremmo essere anche in grado di uscire dal nostro orticello evitando di propinare la stessa soluzione uguale per tutti, perchè ora come ora molto più di ieri ci possiamo trovare davanti a casi agli antipodi, specie con i flussi migratori attuali. Che cosa raccontiamo alla tredicenne forzata a sposare un quarantenne (o ancora più vecchio) a furia di botte dalla famiglia? In India due genitori hanno ucciso la figlia a furia di botte perchè aveva rifiutato di sposare la persona che volevano loro, dunque i casi pietosi esistono eccome. Se facciamo cadere un'intera legge, restano scoperti casi come questi. Lo sforzo che va fatto è adoperarsi nel far tornare la legge nella sua giusta misura, non eliminarla e neanche ignorare il lassismo, perchè il mondo non è diviso in bianco e nero, anche se spesso il grigio non lo vediamo...
Loggato
Milla
Membro familiare
****





   
WWW   

Posts: 377
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #19 Data del Post: 07.06.2018 alle ore 04:55:57 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

ri-ps: scusate la sintassi, purtroppo l'ora è tarda, ho mille impegni, questa settimana 8 esami e devo anche lavorare e la mia scrittura non è nel suo stile migliore, ma quel che mi spingeva era cercare di inquadrare i concetti, anche se non sintatticamente alla perfezione
Loggato
Shinva
Simpatizzante
**



..nessuna condanna per coloro che sono in Cristo..

   


Posts: 23
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #20 Data del Post: 16.06.2018 alle ore 22:33:54 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Ho letto così per caso questo topic e le sue risposte annesse e non ho fatto a meno di notare un pò di confusione.
 
Vi riporto il passo di Marco 10:2-12:
 
2 Dei farisei si avvicinarono a lui per metterlo alla prova, dicendo: «È lecito a un marito mandare via la moglie?» 3 Egli rispose loro: «Che cosa vi ha comandato Mosè?» 4 Essi dissero: «Mosè permise di scrivere un atto di ripudio e di mandarla via». 5 Gesù disse loro: «È per la durezza del vostro cuore che Mosè scrisse per voi quella norma; 6 ma al principio della creazione Dio li creò maschio e femmina. 7 Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, 8 e i due saranno una sola carne. Così non sono più due, ma una sola carne. 9 L'uomo, dunque, non separi quel che Dio ha unito».
10 In casa i discepoli lo interrogarono di nuovo sullo stesso argomento. 11 Egli disse loro: «Chiunque manda via sua moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio verso di lei; 12 e se la moglie ripudia suo marito e ne sposa un altro, commette adulterio».

 
Cosa dice qui Gesù?
 
Mosè concesse il divorzio, cioè l'allontanamento del coniuge, solo per la durezza del cuore degli Israeliti e possiamo anche dire di tutte le persone.
 
Oggi è facile dire, è colpa di mio marito o di mia moglie, voglio separarmi.  
Molto spesso si dimentica che cosa è veramente il matrimonio.  
Il matrimonio è una scelta molto importante, che stabilisce un percorso condiviso con un'altra persona nel servizio familiare verso Dio, una scelta che va presa seriamente e che non può essere affrontata con leggerezza, come avviene oggi fra i pagani che si sposano e si lasciano come se comprassero indumenti.
 
La risposta alla prima domanda dunque quale può essere?
 
La stessa che diede Gesù ai suoi discepoli, che se proprio volete separarvi per motivi gravi, vi è concesso, anche se a malincuore ma comunque sia la stretta di matrimonio rimane, poiché com'è scritto: "11 Egli disse loro: «Chiunque manda via sua moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio verso di lei; 12 e se la moglie ripudia suo marito e ne sposa un altro, commette adulterio».
 
Questo indica proprio che il matrimonio rimane, non si scioglie.
Quindi se doveste risposarvi o andare con qualsiasi altro uomo o donna, mentre il marito o la moglie è ancora in vita, si peccherebbe d'un peccato molto grave, quale l'adulterio.
 
Allora in questo caso arriva la fantomatica risposta pro umanitaria che dice:  
 
"Si ho capito! Ma se è stato un matrimonio preso alla leggera?"  
 
Poco cambia, è comunque un matrimonio agli occhi di Dio.
 
Se una persona vive per esempio nel peccato sessuale e contrae involontariamente l'HIV, seppur egli dovesse un giorno convertirsi a Cristo, questa malattia gli rimane. C'è poco da fare.
Se una persona per la droga rovina il proprio fisico e la propria saluta ma poi si converte a Cristo, salva certo la sua anima ma dovrà convivere con le conseguenze del suo peccato.
 
Il matrimonio non è che perché si può sciogliere dal punto di vista umano, allora può essere sciolto anche davanti agli occhi di Dio.
Se vogliamo piacere a Dio è necessario obbedirgli in ogni cosa, allora potremmo vivere in maniera straordinaria la sua presenza costante che non ci fa più rimpiangere nulla, ci tiene appagati, ci fa vedere una luce che perpetra anche dove c'è oscurità perché i problemi della vita diventano minuscoli.
 
Ma se vogliamo dare retta invece alle nostre passioni ed al nostro cuore, volendo anche non piacere a Dio, non aspettiamoci molto da  Lui. Dio per quanto è un Dio buono è comunque un Dio giusto che ama stare con chi obbedisce e non con chi disubbidisce.
Ma quand'anche qualcuno volesse disubbidire, nonostante abbia dato il proprio cuore a Gesù, nessuno perderà la salvezza poiché il sacrificio di Cristo è inscindibile, è un patto che non si spezza.
Però è anche giusto farsi un esame introspettivo, interiore.
Se io continuo a peccare volontariamente o voglio vivere nella disubbidienza sono davvero un credente?
Non è il caso di dare un secco STOP alle cose sbagliate della mia vita per entrare in maniera sicura, ampia e gloriosa nel regno di Dio, come diceva l'apostolo Pietro?
 
2 Pietro 1
5 Per questo mettete ogni impegno per aggiungere alla vostra fede la virtù, alla virtù la conoscenza, 6 alla conoscenza la temperanza, alla temperanza la pazienza, alla pazienza la pietà, 7 alla pietà l'amore fraterno, all'amore fraterno la carità. 8 Se queste cose si trovano in abbondanza in voi, non vi lasceranno oziosi né senza frutto per la conoscenza del Signore nostro Gesù Cristo. 9 Chi invece non ha queste cose è cieco e miope, dimentico di essere stato purificato dai suoi antichi peccati. 10 Quindi, fratelli, cercate di render sempre più sicura la vostra vocazione e la vostra elezione. Se farete questo non inciamperete mai. 11 Così infatti vi sarà ampiamente aperto l'ingresso nel regno eterno del Signore nostro e salvatore Gesù Cristo.
 
So che potrebbe infastidire o scoraggiare questo argomento ma ricordiamoci che questa vita è per poco, l'eternità con Dio è per sempre.
Meglio andarci irreprensibilmente che essere sgridati e salvati a stento da Dio. Non c'è da scherzare.
« Ultima modifica: 16.06.2018 alle ore 22:45:55 by Shinva » Loggato
Milla
Membro familiare
****





   
WWW   

Posts: 377
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #21 Data del Post: 30.06.2018 alle ore 19:15:21 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 16.06.2018 alle ore 22:33:54, Shinva wrote:
Ho letto così per caso questo topic e le sue risposte annesse e non ho fatto a meno di notare un pò di confusione.
 
Oggi è facile dire, è colpa di mio marito o di mia moglie, voglio separarmi.  
 
Molto spesso si dimentica che cosa è veramente il matrimonio.  
Il matrimonio è una scelta molto importante, che stabilisce un percorso condiviso con un'altra persona nel servizio familiare verso Dio, una scelta che va presa seriamente e che non può essere affrontata con leggerezza, come avviene oggi fra i pagani che si sposano e si lasciano come se comprassero indumenti.
 

 
Shinva, dov'è che hai visto della confusione? Ora purtroppo non è che ricordo parola per parola quello che tutti noi abbiamo scritto, ma quel che ben ricordo è la necessità che ho sottolineato di uscire appunto dal nostro orticello di cultura (più o meno satanica) occidentale. Ti ho quotato perchè appunto hai scritto che il matrimonio è una scelta. Hai scritto scelta. E poi sempre per cultura occidentale della scelta incauta ci si disfa facilmente. Ma per l'amica dell'autore del post non c'è stata alcuna scelta, bensì deliberato inganno passibile di condanna in tribunale. Ho anche rilevato le culture in cui i genitori costringono la figlia a furia di botte a sposarsi. Quella notizia di giornale in cui in India due genitori hanno ucciso la figlia massacrandola di botte perchè aveva avuto il coraggio (peraltro non certo comune in quelle culture) di rifiutarsi. Ora, senz'altro tu non volevi riferirti a questi casi che un tempo potevano considerarsi l'eccezione perchè avvenivano "fuori dal nostro orticello", ma non solo, era molto difficile sapere cosa avveniva "a casa degli altri", mentre ora, man mano che il mondo diventa sempre più globalizzato, non li possiamo certo ignorare. Capisco anche che in varie chiese occidentali si predichi conformemente alla cultura del posto ove istituite e ovviamente la piaga del buonismo umanista che indichi è palesemente antibiblica. Ma nessuno di noi ha difeso l'umanesimo occidentale.
Ora, se non si spende una parola per i casi che un occidentale non considera, quali botte e minacce per indurre una figlia a sposarsi, inganni macchinati alle spalle dei malcapitati come l'amica dell'autore del topic, dove pensi che si vada a finire se non accomunare queste (sempre meno) eccezioni paragonandole a chi divorzia per puro sport, capriccio e voltafaccia? E quindi colpevolizzare una vittima obbligandola a portare, per "eccesso di santità" il peso dei peccati e dei crimini altrui? Attenzione dunque a non essere salvati a stento anche per aver mancato quantomeno di comprendonio e avere rovinato la vita di un buon numero di persone che sono vittime mettendole sullo stesso piano dei carnefici e facendogli portare il peso di questi ultimi che allora continueranno a sentirsi a buon diritto privilegiati. La Bibbia non ha affatto questo scopo ricordiamolo. E mi rendo conto che quel che dico può dare altrettanto fastidio (no, non dico a te, attenzione) di chi si pone in contrasto con la cultura umanista buonista (che ripeto non sto approvando), ma se si tratta di allertare e anche evitare palesi ingiustizie non me la sento di lasciar correre per amor di conformarmi con i più. In ultimo, vi lascio con una notizia che era circolata proprio su Porte Aperte, che riportava la storia di Nadia, una ragazza credente sequestrata in un paese mussulmano e costretta con la forza a sposare un bruto che non smetteva di metterla incinta. Dopo dieci anni riuscirono a liberarla e nasconderla. Ora quel che non vorrei proprio ascoltare è che questa ragazza, dopo anni di prevaricazioni e un vero e proprio pesante crimine contro la libertà e la dignità umana, se potrà sposare finalmente un credente, che i due stiano peccando di adulterio.
Loggato
Milla
Membro familiare
****





   
WWW   

Posts: 377
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #22 Data del Post: 30.06.2018 alle ore 19:28:38 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

O peggio cercare di impedirglielo. Scusate la dimenticanza.
Loggato
saul
Membro familiare
****



W questo FORUM!!!

   
E-Mail

Posts: 1016
Re: Risposarsi secondo Dio
« Rispondi #23 Data del Post: 06.08.2018 alle ore 10:40:21 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 22.05.2018 alle ore 04:08:14, Milla wrote:

 
trattandosi di malattia mentale, per giunta, per non parlare di inganno deliberato, è un vizio del consenso rientrante nella fattispecie di errore essenziale, che genera invalidità del matrimonio.  

 
sono d'accordo.
mi pare che il matrimonio di cui si parla, è, come dici tu, invalido e quindi non è mai avvenuto
con tutte le conseguenze  
ciao
saul
Loggato
Pagine: 1 2  · torna su · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Icons made by Freepik, Daniel Bruce, Scott de Jonge, Icomoon, SimpleIcon from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0
Powered by YaBB 1 Gold - SP 1.4 - Forum software copyright © 2000-2004 Yet another Bulletin Board

    
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti