Ti senti solo? Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati. RegolamentoLeggi il regolamento completo  RSSIscrizione feed RSS

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

    
   I Forum di Evangelici.net
   Vita di chiesa e cammino cristiano
   Attualità a confronto con la Bibbia
(Moderatori: andreiu, ilcuorebatte, Marmar)
   Gaza: quando si dice fame...
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 ... 3 4 5 6 7  ...  18 · vai in fondo · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Gaza: quando si dice fame...  (letto 18766 volte)
ester2
Membro familiare
****



Cosi' dice il Signore:"Io onoro quelli che mi onorano"    1Sam.2-30

   
E-Mail

Posts: 2119
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #60 Data del Post: 17.02.2010 alle ore 21:58:28 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

X Eliseo.   Confuso Ci tengo a precisare che ho scritto i miei post con un'attitudine abbastanza tranquilla,mi piacerebbe che anche tu facessi la stessa cosa con me,grazie  Sorriso L'accusa che hai rivolto agli ebrei di aver ucciso Gesù ( deicidio)  è la stessa che Israele (tra le altre cose) deve,purtroppo, continuare a sentire da coloro che non sono bene informati ed evito di usare altre parole..  Mmmhhh! Forse,non hai mai letto con attenzione Atti cap. 4 vv. 27-28 che dice:" .. E invero in questa città,contro al tuo santo Servitore Gesù che tu hai unto,si sono radunati Erode e Ponzio Pilato,INSIEME COI GENTILI e con tutto il popolo d'Israele,per fare tutte le cose ecc. ecc." Quindi non solo gli ebrei ma, secondo le scritture ,anche i Gentili ( in quell'occasione,i romani,per essere precisi) hanno la loro colpa per aver crocifisso Gesù! E' una grande ingiustizia continuare ad accusare SOLO gli ebrei! Eliseo,quello che hai scritto è grave! Poi,se vogliamo andare più in fondo alla questione,dovremmo dire che nessuno ha tolto la vita al Signore,così come afferma Gesù stesso nel Vangelo di Giovanni cap. 10 vv. 17-18 e che dice:" Per questo mi ama il Padre; perchè io depongo la mia vita,per riprenderla poi. NESSUNO ME LA TOGLIE,MA LA DEPONGO DA ME. IO HO POTESTA' DI DEPORLA E HO POTESTA' DI RIPRENDERLA"; Queste non sono mie opinioni personali ma sono affermazioni della Parola di Dio,perciò sarebbe buono e saggio evitare di  accusare ingiustamente gli ebrei di deicidio  Triste  Eliseo,per dirla in breve,sono i miei e i tuoi peccati che hanno portato Gesù alla croce,ringraziaLO e non accusare gli altri! In relazione a Lutero,non so cosa sia successo negli ultimi istanti della sua vita,spero si sia ravveduto del suo odio,ma era solo un esempio per dire che il popolo ebraico ha patito moltissimo da coloro che si definivano cristiani,anche per questo ( oltre a motivi,diciamo," dottrinali"Occhiolino sono difficili da raggiungere col Vangelo,è inutile che salti dalla sedia per queste affermazioni, se lo dico è perchè sò che è così.  Sottolineo ancora una volta che non faccio sentimentalismo,ma sono grata a Dio che mi ha dato comprensione per ciò che concerne Israele e ho deciso di sostenerlo per amore di Dio! Inoltre hai parlato di fare vittimismo.. Confuso ma che discorsi sono questi che fai? Io ho parlato delle sofferenze che ha subito Israele e tu tiri fuori il vittimismo,ma insomma..  anzichè provare dolore per quello che hanno patito ( sono d'accordo che bisogna essere coinvolti con le sofferenze di tutti i popoli) ma quì stiamo parlando di Israele. Non so se sai che ancora oggi ci sono ebrei sopravvissuti ai campi di sterminio,che la notte fanno fatica a dormire per i ricordi terribili che hanno,altro che vittimismo,un pò di pietà e rispetto,per favore,dato che noi siamo "superiori" perchè siamo cristiani,appunto,dimostriamolo..!
Loggato
fra Sandro Savonarola
Visitatore

E-Mail

Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #61 Data del Post: 17.02.2010 alle ore 22:07:16 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Aprovo quello che dice  ester 2  incondizionatamente
 
fra Sandro Savonarola
Loggato
ester2
Membro familiare
****



Cosi' dice il Signore:"Io onoro quelli che mi onorano"    1Sam.2-30

   
E-Mail

Posts: 2119
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #62 Data del Post: 17.02.2010 alle ore 22:11:20 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

X Joe.  In relazione a Israele e i palestinesi,ripeto le parole di Linchen:" sei informato..sei molto informato"  Occhiolino Andiamo bene Joe,andiamo davvero bene..   Hu?!
Loggato
fra Sandro Savonarola
Visitatore

E-Mail

Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #63 Data del Post: 17.02.2010 alle ore 23:04:30 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Secondo voi la fine del mondo
è collegata (2012) alla guerra tra Iran e Israele  ? entro 2 o 3 anni l'iran avrà l'atomica e tenterà di distruggere israele. quindi la fine del mondo sarebbe un aspetto della terza guerra mondiale da aggressione iraniana contro israele. O lavoro di fantasia o di fantascienza ? e israele dovrebbe aspettare di essere fatto fuori, accontentandosi di sanzioni contro l'iran, così come a suo tempo ci furono sanzioni contro Hitler ?
che israele si svegli, prima di essere distrutto. secondo il programma iraniano,molto simile al programma di Hitler.di genocidio del popolo ebreo.
« Ultima modifica: 17.02.2010 alle ore 23:15:32 by Sandro » Loggato
Marmar
Admin
*****



Dio è buono

   
WWW   

Posts: 7756
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #64 Data del Post: 17.02.2010 alle ore 23:58:17 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Se ascoltiamo Gesù che disse che nessuno, nemmeno lui, conosceva il giorno ed il mese della fine, possiamo dedurre che tutti i giorni sono buoni ad eccezione del 21/12/2012.  Sorridente
Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
eliseob.
Visitatore

E-Mail

Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #65 Data del Post: 18.02.2010 alle ore 11:48:18 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


Quote:
X Eliseo.    Ci tengo a precisare che ho scritto i miei post con un'attitudine abbastanza tranquilla,mi piacerebbe che anche tu facessi la stessa cosa con me,grazie  

Cara Ester, ma guarda che io ero e sono tranquillissimo.  Sorriso

Quote:
L'accusa che hai rivolto agli ebrei di aver ucciso Gesù ( deicidio)  è la stessa che Israele (tra le altre cose) deve,purtroppo, continuare a sentire da coloro che non sono bene informati ed evito di usare altre parole..

Zaccaria 12:10
E spanderò sulla casa di Davide e sugli abitanti di Gerusalemme lo spirito di grazia e di supplicazione; ed essi riguarderanno a me, a colui ch'essi hanno trafitto, e ne faran cordoglio come si fa cordoglio per un figliuolo unico, e lo piangeranno amaramente come si piange amaramente un primogenito.

 
Giovanni 19
15 Allora essi gridarono: «Toglilo, toglilo di mezzo, crocifiggilo!» Pilato disse loro: «Crocifiggerò il vostro re?» I capi dei sacerdoti risposero: «Noi non abbiamo altro re che Cesare». 16 Allora lo consegnò loro perché fosse crocifisso.

 
Cara Ester, furono gli ebrei, a trovare Gesù colpevole di morte, secondo la loro legge. Furono loro a cercare più volte di ucciderlo (anche senza "Pilato"...), e furono sempre loro, perchè si adempissero tutte le Scritture, che lo consegnarono a Pilato.  
Ma nonostante tutto, se fosse stato per Pilato, Erode, etc.., Gesù non sarebbe stato crocifisso. Ma loro insistettero, e fecero appello a Cesare, l'unico loro "Re"!
 
È certamente vero che se Gesù non sarebbe stato ucciso, noi saremmo morti nei nostri peccati, e infatti, loro si sono dati un gran da fare, affinchè fosse ucciso.
Hanno "coinvolto" i gentili nell'uccisione, senza sapere che facendo così, li avrebbero pure "coinvolto" nella Salvezza.

Quote:
E' una grande ingiustizia continuare ad accusare SOLO gli ebrei!

Cara Ester, non sono io che li accuso, ma la Parola di Dio.

Quote:
Eliseo,per dirla in breve,sono i miei e i tuoi peccati che hanno portato Gesù alla croce,ringraziaLO e non accusare gli altri!

Questo è solo una parte della realtà, e cioè quella "spirituale".
La realtà "materiale" invece, è che è stata la casa di Davide, e "tutta Gerusalemme", che lo ha trafitto.  
Infatti, saranno loro che avranno da riconoscerlo come tale, quando Egli poserà i Suoi piedi sul monte degli ulivi.

Quote:
era solo un esempio per dire che il popolo ebraico ha patito moltissimo da coloro che si definivano cristiani,anche per questo ( oltre a motivi,diciamo," dottrinali"Occhiolino sono difficili da raggiungere col Vangelo,è inutile che salti dalla sedia per queste affermazioni, se lo dico è perchè sò che è così.

Bene, sappiamo allora cose diverse e opposte, perchè anch'io, se lo dico, è perchè so che è così, cioè che loro sono "irraggiungibili" dal Vangelo semplicemente perchè rifiutano l'Opera dello Spirito Santo.

Quote:
Inoltre hai parlato di fare vittimismo..  ma che discorsi sono questi che fai? Io ho parlato delle sofferenze che ha subito Israele e tu tiri fuori il vittimismo,ma insomma..  anzichè provare dolore per quello che hanno patito...

Si, tu hai parlato delle "sofferenze" che Israele ha subito da parte dei "Cristiani" (sedicenti o meno), giustificando in qualche modo, il loro pensiero secondo il quale, Gesù sarebbe stato il " il fondatore della  religione che ha trucidato il loro popolo ".
E dici: "...ovviamente non è così ma per loro lo è`". Con questo, hai "giustificato" ciò che pensano di Gesù; nonostante fra l'altro, Gesù venne da loro ucciso molto prima, che quella "religione" venisse fuori.
"...anzichè provare dolore per quello che hanno patito..."
Con tutto il rispetto per Israele, cara Ester, non mi sembra biblico "predicare" di provare questo tipo di "dolore" (per Israele).
 
Isaia 53
8 Dopo l'arresto e la condanna fu tolto di mezzo;
e tra quelli della sua generazione chi rifletté
che egli era strappato dalla terra dei viventi
e colpito a causa dei peccati del mio popolo?

 
Perciò cara Ester, visto che tu dici che c'è un "concorso di colpa", in quell'uccisione, e fu ucciso anche per i miei peccati, ti assicuro che non ho alcuna intenzione, di riflettere fuor di modo sulle "sofferenze" di un popolo, quando invece avrei un bel riflettere sulle sofferenze di Colui che fu strappato dalla terra dei viventi, proprio a causa del peccato di quel popolo, e poi anche a causa mia.
 
Noi non siamo chiamati a "riflettere sulle sofferenze d'Israele". Tutto il mondo soffre, e soffre a causa del peccato.

Quote:
un pò di pietà e rispetto,per favore,dato che noi siamo "superiori" perchè siamo cristiani,appunto,dimostriamolo..!

Come detto prima, "pietà" e rispetto, non vuol dire omettere e/o nascondere la Verità.
E poi, chi ha mai detto che "noi siamo superiori"?  Indeciso
Chi ha mai fatto delle "classifica" d'importanza?  Indeciso
« Ultima modifica: 18.02.2010 alle ore 11:55:45 by eliseob. » Loggato
solare
Membro familiare
****



W questo FORUM!!!

   
E-Mail

Posts: 445
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #66 Data del Post: 18.02.2010 alle ore 12:12:25 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

La logorroicità è un dono grandioso, spesso non viene valorizzato come dovrebbe, grandi scrittori, pensatori, filosofi come Socrate, Platone, Aristotele erano dei grandi logorroidi, come gli scribi e farisei, ma, con una differenza di quest'ultimi tra loro e me, loro erano conoscitori delle leggi mosaiche ed hanno avuto la possibilità di avere il Cristo, l'Unto, il Messia, Dio stesso trino, camminare in mezzo alla gente e non hanno avuto stima alcuna, insieme ai romani e tutto il resto del  popolo come dici tu è stato condannato, siamo tutti colpevoli ? Forse si.  Mentre il sottoscritto per grazia e misericordia di Dio padre per mezzo della fede in Cristo Gesù e senza alcuna conoscenza bibblica, vangeli e altro  ha voluto farmi partecipe alla gloria futura. Visto che citi versetti ne cito anch'io alcuni,
 
--2 Corinzi 3:13  -e non facciamo come Mosè che poneva un velo sul suo volto, perché i figli di Israele non vedessero la fine di ciò che era solo effimero. 14 Ma le loro menti furono accecate; infatti fino ad oggi quel medesimo velo rimane, non rimosso, alla lettura dell'Antico Testamento, perché è in Cristo che esso viene eliminato. 15 Fino ad oggi, quando si legge Mosè, un velo è steso sul loro cuore; 16 ma quando ci sarà la conversione al Signore, quel velo sarà tolto.  
 
--Ebrei 6:18 perché grazie a due atti irrevocabili, nei quali è impossibile che DIO MENTISCA, noi che abbiamo cercato rifugio in lui avessimo un grande incoraggiamento nell'afferrarci saldamente alla speranza che ci è posta davanti. 19 In essa infatti noi abbiamo come un'àncora della nostra vita, sicura e salda, la quale penetra fin nell'interno del velo del santuario, 20 dove Gesù è entrato per noi come precursore, essendo DIVENUTO SOMMO  SACERDOTE per sempre alla maniera di Melchìsedek.
 
--Ebrei 10:4 poiché è impossibile eliminare i peccati con il sangue di tori e di capri. 5 Per questo, entrando nel mondo, Cristo diceFischiareu non hai voluto né sacrificio né offerta,un corpo invece mi hai preparato.6 Non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato.7 Allora ho detto: Ecco, io vengo- poiché di me sta scritto nel rotolo del libro -per fare, o Dio, la tua volontà.
 
Non credo ci sia bisogno di interpretazione, posso capire un popolo dove regna la negligenza, la mancanza di conoscenza, l'ignoranza, qui si parla di un popolo al di sopra di ogni aspettativa, intelligente, carismatico, laborioso, conoscitore della Torak, delle leggi, dove il mondo intero affluirà per attingere acqua viva dalla vera fonte, il cuore pulsante della vita terrena, il prescelto su tutte le nazioni e tu mi vieni a parlare di donare un'euro, di pregare e di aiutare a far si che possano comprendere il vero amore di Cristo, ma..!  Sono loro che devono aiutare me. Forse sono stato frainteso, se non piegano le ginocchia dal più piccolo neonato al presidente della nazione e si umiliano dinanzi a Dio e al mondo intero, accettando Cristo per la salvezza e di quanti lo vorranno, mai e poi mai quel velo verrà eliminato. Non sono le cellule associaciative sparse in tutto il mondo non sono i filmati della Shoah a intenerire la coscienza non è chiedere un'euro per la causa, ma qual'è questa causa è solamente un problema altamente SPIRITUALE e da questo che parte la frase "capatosta", c'è troppo orgoglio in questo popolo. Dio non tollera quest'affronto, tutti devono accettare Cristo compreso il Suo popolo per avere la salvezza è un patto stipulato con i patriarchi fin dalla creazione del mondo, più che salvezza stessa è il perno principale per avviare la vera pace e la "  MANIFESTA PRESENZA DI DIO"  anche se a mio avviso continuerà ad aiutarlo nella speranza che un giorno possano comprendere, spero che facciano in fretta.  Un abbraccio con l'amore di nostro Signore Cristo Gesù. Un mio pensiero logorroide
Loggato
alle
Admin
*****




"Se perseverate nella mia parola ..." Giov 8:31

   


Posts: 17739
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #67 Data del Post: 18.02.2010 alle ore 12:21:50 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


Isaia 53:11  
Dopo il tormento dell'anima sua vedrà la luce e sarà soddisfatto;  
per la sua conoscenza, il mio servo, il giusto, renderà giusti i molti,  
si caricherà egli stesso delle loro iniquità.  
 
Apocalisse 21:4  
Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore, perché le cose di prima sono passate.
Loggato

" Io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell'età presente ".
(Gesù, in Matteo 28:20)
nemiax
Membro
***




Maranatha! Vieni Signore Gesù!

   


Posts: 66
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #68 Data del Post: 18.02.2010 alle ore 12:48:58 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Mi spiace perchè da alcuni interventi trapela animosità. Questo è un argomento che nei secoli ha creato discordie e dolore e continua oggi a dividere.
Persolamente dico subito che "Amo Israele", un amore profondo e particolare. Un amore che cresce ogni volta che leggo la Bibbia e con il pensiero immagino quel popolo uscire dall'Egitto, conquistare Gerico, ottenere vittorie gloriose tutte le volte in cui riponeva la propria fiducia in Dio, ma anche numerose sconfitte quando (spesso) voltava la faccia altrove.
 
E' vero che la classe religiosa porta la colpa di aver voluto far condannare Gesù, ma questa colpa non è solo la loro.
 
Questa colpa è di Giuda che lo ha tradito, è di Pilato che se ne lavato le mani, è del popolo che gridava:
 
E tutto il popolo, rispondendo, disse: Il suo sangue sia sopra noi e sopra i nostri figliuoli. (Matteo 27:5)
 
Questa colpa è anche mia... ed anche tua. E non credo solo "spiritualmente" parlando. Sono convinto che se fossi stato un ebreo vissuto ai tempi di Gesù, molto probabilmente mi sarei ritrovato in mezzo a quella folla... forse sarei stato quello che gridava di più. Se fossi stato un romano, probabilmente sarei stato uno di quelli che magari si propose di piantare i chiodi nelle mani del nostro Signore.
 
E non dimentichiamo che nonostante la colpa sia nostra, nessuno di noi, come nessuno degli ebrei (Giuda compreso), come nessuno dei romani "tolse la vita al Signore" perchè Egli disse:
 
[...]io depongo la mia vita, per ripigliarla poi.  
 Nessuno me la toglie, ma la depongo da me.  
 Io ho potestà di deporla e ho potestà di ripigliarla. Quest'ordine ho ricevuto dal Padre mio. (Giovanni 10:18)

 
e ancora a Pilato disse:
 
Tu non avresti alcun'autorità su di me, se ciò non ti fosse stato dato dall'alto[...]
 
Io prego che quanto il popolo Ebreo dichiarò possa avverarsi, perchè nel pronunciare questa condanna su di loro preannunciarono quel che in realtà era ed è una Benedizione.
 
"Il suo sangue sia sopra noi e sopra i nostri figliuoli"
Loggato

del rimanente mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti quelli che avranno amato la sua apparizione. 2Tim4:8
http://www.youtube.com/user/xnemiax
eliseob.
Visitatore

E-Mail

Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #69 Data del Post: 18.02.2010 alle ore 13:42:02 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


Quote:
Sono convinto che se fossi stato un ebreo vissuto ai tempi di Gesù, molto probabilmente mi sarei ritrovato in mezzo a quella folla... forse sarei stato quello che gridava di più.

Caro Nemiax, "se tu fossi stato un ebreo...", saresti appunto "stato un ebreo", parte di quel popolo, parte di quella folla.
La "questione" era infatti una questione "giudaica", e non interessava gli "stranieri" presenti nel territorio.
Il "popolo" dunque di cui si parla qui, quel popolo che all'unanimità gridò: Crocifiggilo!, fu il popolo ebreo, e fra loro, non c'era alcuno straniero.
 
E tutto il popolo, rispondendo, disse: Il suo sangue sia sopra noi e sopra i nostri figliuoli. (Matteo 27:5)
 
Io starei attento a mettere l'enfasi su ciò che disse Gesù, e cioè che Egli depose la Sua Vita, perchè questo annullerebbe di fatto ogni responsabilità, e sappiamo che non è così.
 
Inoltre, starei anche molto attento a spiritualizzare troppo quella "proclamazione", perchè questo porterebbe a non considerare tutte le "disavventure" d'Israele come diretta conseguenza delle loro azioni, nel caso specifico, quel Sangue versato, quel Sangue del quale appunto loro dicevano: Ricada su noi e sui nostri figliuoli!
 
Dunque è proprio questa, la causa di tutte le sofferenze di quel popolo, e non il "cristianesimo", e neanche "gli uomini" in generale.
Loggato
nemiax
Membro
***




Maranatha! Vieni Signore Gesù!

   


Posts: 66
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #70 Data del Post: 18.02.2010 alle ore 14:08:11 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


Quote:

Caro Nemiax, "se tu fossi stato un ebreo...", saresti appunto "stato un ebreo", parte di quel popolo, parte di quella folla.

 
Non fa una piega  Vago
 

Quote:

 parte di quel popolo, parte di quella folla.

 
Dimentichi che non tutti gli ebrei di quel tempo andarono contro Gesù.
Quello che voglio dire è che io probabilmente avrei fatto parte di coloro che erano decisi a condannarLo. Ma questo è un ragionamento personale.
 
Per quanto riguarda la spiritualizzazione di quella frase detta dal popolo, io non sono ne per considerarla solamente spirituale ne solamente materiale. L'unica cosa che non riesco ad accettare e l'attribuzione delle pene vissute dal popolo Ebreo nei secoli al loro rifiuto del Messia. In molti casi è stato così, ma chi siamo noi per leggere in chiave punitiva tutte le tragedie affrontate da questo popolo?
« Ultima modifica: 18.02.2010 alle ore 14:21:38 by nemiax » Loggato

del rimanente mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti quelli che avranno amato la sua apparizione. 2Tim4:8
http://www.youtube.com/user/xnemiax
eliseob.
Visitatore

E-Mail

Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #71 Data del Post: 18.02.2010 alle ore 16:46:51 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


Quote:
Quello che voglio dire è che io probabilmente avrei fatto parte di coloro che erano decisi a condannarLo. Ma questo è un ragionamento personale.  

Si, lo credo anch'io.  
 Sorridente ...non che tu ne avresti fatto parte, ma anch'io.
Sono certo che tutti, potremmo affermare questo senza bisogno di dire: "è un ragionamento personale!"
 
Ora se tutti noi, lo "abbiamo" inchiodato in Croce, com'è che se si parla degli Ebrei del tempo di Gesù, si tiene così tanto ad affermare che "non tutti lo uccisero"?
 
Sono certissimo che Giovanni, Pietro, Maria e tutti gli altri, non si "tiravano" indietro dicendo: No, noi non lo abbiamo crocifisso; Noi stavamo dalla "parte dei buoni"....
 
Perchè è per i peccati di tutti, che è morto, indipendentemente da "chi l'ha ucciso". Ciò non toglie che sia stato proprio il Suo popolo, la Sua "gente", a farlo.
 
Infatti, coloro che avevano creduto, e non fecero parte della folla che gridava "Crocifiggilo", non ne avrebbero avuto nessun beneficio del loro "credo", se Gesù non fosse morto, e risuscitato.
Perchè è con la morte e l'avvenuta resurrezione, che la Salvezza diventava possibile.
 
Dunque possiamo dire, in perfetto accordo con le Scritture, che tutto il popolo ha gridato "Crocifiggilo", proprio perchè anche noi, se ci immedesimiamo al popolo di allora, in buona coscienza possiamo affermare che saremmo stati "fra loro".

Quote:
L'unica cosa che non riesco ad accettare e l'attribuzione delle pene vissute dal popolo Ebreo nei secoli al loro rifiuto del Messia.

Perchè tu la vedi come un'accusa al "popolo eletto", dimenticando che l'elezione è in Cristo, e non per eredità.
Chi non crede in Cristo, è già giudicato, e ne porta le consequenze; A parte che loro stessi dissero: Il Suo sangue ricada su noi e sui nostri figli.
 
 Ciao
Loggato
nemiax
Membro
***




Maranatha! Vieni Signore Gesù!

   


Posts: 66
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #72 Data del Post: 18.02.2010 alle ore 17:09:41 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 18.02.2010 alle ore 16:46:51, eliseob. wrote:
Perchè tu la vedi come un'accusa al "popolo eletto", dimenticando che l'elezione è in Cristo, e non per eredità.
Chi non crede in Cristo, è già giudicato, e ne porta le consequenze; A parte che loro stessi dissero: Il Suo sangue ricada su noi e sui nostri figli.

 
Chi ha parlato di "elezione per eredità"?  Confuso
Gli ebrei hanno bisogno di riconoscere Cristo Gesù, cosi come gli italiani, i russi e gli americani.
 
Io dico dunque: Hanno essi così inciampato da cadere? Così non sia; ma per la loro caduta la salvezza è giunta ai Gentili per provocar loro a gelosia. 12 Ora se la loro caduta è la ricchezza del mondo e la loro diminuzione la ricchezza de' Gentili, quanto più lo sarà la loro pienezza! (Romani 11:11,12)
 
La nostra preghiera dovrebbe essere, Signore fa giungere presto questa pienezza su Israele così come sta giungendo su tutte le genti, perchè allora sara meravigliosa la gloria di questo popolo.
 
Nel verso 12, l'apostolo Paolo ci sta dicendo chiaramente che, se abbiamo avuto molta "ricchezza" dalla caduta del popolo prescelto (la grazia è stata allargata anche a noi), avremo inimmaginabile superiore "ricchezza" quando accetteranno il Messia, quindi permettimi di ricordarmi in particolare del popolo di Israele nelle mie preghiere.
 
 Sorriso
Loggato

del rimanente mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti quelli che avranno amato la sua apparizione. 2Tim4:8
http://www.youtube.com/user/xnemiax
solare
Membro familiare
****



W questo FORUM!!!

   
E-Mail

Posts: 445
Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #73 Data del Post: 19.02.2010 alle ore 10:35:16 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Carissimo Nemiax, chi ha conosciuto Cristo ed ha l'amore di Cristo non si pone il problema di amare, anch'io amo il mondo intero con tutto quello che c'è dentro e in questo mondo fa parte anche Israele, il nostro insegnamento è  
"  ama il tuo prossimo come te stesso " ed è un comandamento non solo insegnamento, come si fà ad amare il prossimo e in special modo coloro che non credono, i peccatori, i nemici ? L'unico che può mettere fine a tutto questo è Dio. Colui che ci permette per la Sua misericordia di far conoscere e amare il figlio Cristo Gesù, questo vale per tutti i popoli di questa terra, tutti sappiamo come fare, "nascere di nuovo"... bisogna nascere di nuovo ed essere impregnati di Cristo solo in questo modo possiamo capire l'amore non esiste altro modo. Leggi con attenzione e calma e poniti una domanda da dove arrivano queste animosità ? Imporre= volere dimostrare o la propria conoscenza o l'essere partecipe di un gruppo o di un'associazione, di una setta, nella quale si fà di tutto per propagandarla, volendo appunto imporla, Cristo non impone, insegna. Posso anche accettare il dialogo la dove c'è la possibilità di dialogo dove ognuno espone la propria idea, un proprio pensiero nel rispetto e nell'amore, ma dove c'è il senso unico, la cupidigia di dominio, nel volere a tutti i costi imporre, come si fà ? Tempo fà frequentavo un'associazione israeliana e nella mia semplicità e ignoranza ero convinto che si parlasse di Spirito Santo, di fede, di Cristo, di Unzione ho preso una cantonata, di tutto si parlava ci sono stati anche piccoli insegnamenti bibblici con lingua ebraica, grande conoscenza bibblica nulla da dire, ma di Spirito Santo, di fede, di Cristo, di Unzione manco l'ombra, ogni volta che aprivo bocca su questo tema, diventavano verdi e si cambiava argomento, in poche parole mi facevano capire ho accetti il loro pensiero o la porta e quella non possiamo perdere tempo con queste cose, ringrazio il Signore che non ha lasciato che mi contaminassi più di tanto, ho compreso che gli scribi e farisei sono ancora attuali ed è molto dura se non pone la mano il Padre,  ahimè.. è veramente dura !  Unica consolazione che Dio ha tutto pianificato, tempi e modi non ci è permesso conoscerli, per fortuna nostra. Mi viene in mente un versetto Giovanni 17:21 non lo cito tutto "Affinchè siano tutti uno, come tu o Padre sei in me e io in te " essere tutti in una sola persona e meraviglioso, questo è quello che vuole Dio, purtroppo siamo lontani. Dio ci ha avvertiti del pericolo per la mancanza di unità lo cita in :
Giacomo  3:16 parlando dell'invidia,  
Proverbi   6:12 parlando dell'uomo che semina discordia
Apocalisse 12:10 parla dell'accusatore che sarà gettato
Romani 16:17  parla di quelli che accendono fuochi creando divisioni
Non ho riportato tutto sono versetti che conosciamo bene, concludo caro memiax che a volte anch'io sono frastornato e confuso, anche se non devo, perchè Cristo non è confusione, purtroppo accade siamo veramente piccoli.  Un mio pensiero e un abbraccio in Cristo.
Loggato
eliseob.
Visitatore

E-Mail

Re: Gaza: quando si dice fame...
« Rispondi #74 Data del Post: 19.02.2010 alle ore 11:07:30 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


Quote:
Chi ha parlato di "elezione per eredità"?    
Gli ebrei hanno bisogno di riconoscere Cristo Gesù, cosi come gli italiani, i russi e gli americani.  

Credo che tu mi abbia frainteso.

Quote:
L'unica cosa che non riesco ad accettare e l'attribuzione delle pene vissute dal popolo Ebreo nei secoli al loro rifiuto del Messia. In molti casi è stato così, ma chi siamo noi per leggere in chiave punitiva tutte le tragedie affrontate da questo popolo?  

In "molti casi"?
Quali, per esempio?  
 
Ecco, sfogliando il Vecchio Testamento, cioè la "storia", non c'è un solo caso, dove le "pene vissute" da Israele, siano dovute al "caso" o a chissà quale ragione sconosciuta o incomprensibile.
 
Mi chiedo, ti chiedo, cos'è dunque cambiato per Israele, da allora?
Perchè mai dalla morte di Gesù, cioè dal "d.C"="dopo Cristo", dovrebbe essere diverso?
 
La domanda dunque non è "chi siamo noi", ma "chi sono loro".
E loro sono "sotto la Legge", dunque, per loro non è cambiato niente da "allora", e le loro "pene" sono da attribuire come nel Vecchio Testamento, alla loro ribellione.
 
Da qui la mia considerazione: " Perchè tu la vedi come un'accusa al "popolo eletto", dimenticando che l'elezione è in Cristo, e non per eredità. "
Non perchè tu lo abbia detto, ma perchè secondo me è la conclusione più logica, visto che l'unica "differenza" fra Vecchio e Nuovo Patto, sta in Gesù Cristo.  Sorriso
Loggato
Pagine: 1 ... 3 4 5 6 7  ...  18 · torna su · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Icons made by Freepik, Daniel Bruce, Scott de Jonge, Icomoon, SimpleIcon from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0
Powered by YaBB 1 Gold - SP 1.4 - Forum software copyright © 2000-2004 Yet another Bulletin Board

    
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti