Progetto Archippo - Formazione cristiana permanente Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati. RegolamentoLeggi il regolamento completo  RSSIscrizione feed RSS

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

    
   I Forum di Evangelici.net
   Chi sono i cristiani evangelici? Cosa dice la Bibbia? - Rispondono i moderatori
   Filo diretto con i moderatori
(Moderatori: elovzu, andreiu, ilcuorebatte, Asaf, Marmar)
   Chi sono i protestanti   "storici".
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1  · vai in fondo · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Chi sono i protestanti   "storici".  (letto 154 volte)
Sandro_48
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
WWW   

Posts: 1394
Chi sono i protestanti   "storici".
« Data del Post: 03.08.2018 alle ore 22:35:07 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Chi sono i protestanti
La chiesa valdese nacque come movimento ereticale alla fine del XII secolo dalla predicazione di un ex mercante di Lione, Valdo (o Valdés), che venduti i propri beni in seguito a una profonda crisi spirituale decise di vivere la propria fede sull’esempio degli apostoli. Una vicenda simile a quella di Francesco d’Assisi, ma con esiti opposti: scomunicati e perseguitati, Valdo e i suoi seguaci diedero vita a un movimento clandestino che si diffuse nel sud della Francia, in Calabria, nel sud della Germania e nelle Alpi Cozie.
In quest’ultima regione (l’area oggi conosciuta come “valli valdesi”) si consolidarono e nel 1532 aderirono alla Riforma protestante, costituendosi come chiesa e scontrandosi con il potere religioso e politico. Persecuzioni e guerre infiammarono quelle zone nei decenni successivi, culminando nel 1686, con l’editto in cui il duca Vittorio Amedeo II li obbligava all’abiura o all’espatrio: dopo un estremo tentativo di resistenza, furono quasi tutti deportati nelle carceri piemontesi; i pochi scampati si rifugiarono in Svizzera, da dove tornarono tre anni dopo nel cosiddetto Glorioso Rimpatrio.
Solo nel 1848, con le Lettere Patenti con cui il re Carlo Alberto concedeva loro i diritti civili e politici, le porte del “ghetto alpino” si aprirono e i valdesi ebbero la possibilità di abitare e lavorare su tutto il territorio del Regno.
Significativamente, fra le prime azioni dopo il riconoscimento della parità civile ci furono la fondazione di un giornale, L’Echo des Vallées, proprio nel 1848, dalla cui evoluzione è nata poi Riforma, di una casa editrice, la Claudiana, di una Facoltà di teologia per la formazione dei pastori, insieme all’apertura di numerose scuole elementari, istituti per orfani e anziani, ospedali in diverse parti d’Italia.
 
È qui che la storia valdese si intreccia con quella metodista e battista: nella loro opera di diffusione del Vangelo, che faceva parte di un preciso progetto di sviluppo spirituale, ma anche culturale, sociale e politico dell’Italia, i valdesi furono affiancati da altri protestanti.
Si trattava in particolare di missionari metodisti e di esuli politici, che negli anni caldi del Risorgimento avevano trovato rifugio soprattutto in Inghilterra e ne erano tornati convertiti,
fondando comunità spontanee chiamate “chiese cristiane libere”.
Nel 1859 il segretario della Wesleyan Methodist Missionary Society di Londra, William Arthur, visitò l’Italia convincendosi della necessità di aprirvi una missione, inizialmente non per fondare una nuova chiesa metodista, ma per sostenere gli evangelici già presenti (valdesi e cristiani liberi). Arrivò così anche in Italia l’insegnamento dei fratelli Charles e John Wesley, che nella prima metà del Settecento avevano cercato un modo nuovo di vivere la fede, dando il via a un movimento improntato sullo studio delle Scritture e la preghiera, mai disgiunto dall’azione sociale verso i poveri, i malati, i carcerati, particolarmente urgente in quel periodo (la prima rivoluzione industriale) e caratterizzato dalla scansione metodica delle attività, da cui l’appellativo di metodisti.
Inizialmente la loro predicazione avvenne all’interno delle chiese già costituite, ma quando queste si chiusero alla novità, John cominciò a predicare in pubblico, nelle piazze, nelle case.
L’apertura al mondo, la dimensione sociale, il rivolgersi alle masse popolari contraddistinsero il movimento, che fu l’humus per le battaglie antischiaviste e le lotte dei lavoratori. I laici, uomini e donne, ebbero subito un ruolo determinante come predicatori e responsabili di attività, infatti furono due predicatori laici irlandesi a portare il metodismo nel nord America intorno al 1760, dando origine alla Chiesa metodista episcopale.
Entrambe le correnti, quella inglese e quella statunitense, arrivarono in Italia, riunendosi nel 1946 in un’unica chiesa, la Chiesa evangelica metodista d’Italia, prima sotto la giurisdizione della Conferenza metodista britannica, fino ad ottenere l’autonomia nel 1962. Nel 1975, infine, con il Patto di Integrazione con la Chiesa valdese è iniziato il cammino comune delle due denominazioni. Dall’attuazione del Patto di integrazione è nata l’Opera per le Chiese Evangeliche Metodiste in Italia (Opcemi), organo di gestione dei rapporti ecumenici e internazionali, dell’amministrazione degli stabili e delle persone in servizio.
 
Una vicenda simile portò il battismo in Italia: anch’esso vi giunse con i missionari inglesi e americani, negli anni Sessanta dell’Ottocento. Un’importante caratteristica della prima evangelizzazione dei Battisti, come pure degli altri evangelici italiani, fu l’istituzione di scuole. A La Spezia l’inglese Edward Clarke iniziò il suo lavoro aprendo subito una scuola contemporaneamente alla Chiesa fino ad arrivare ad avere nel ‘900 un istituto scolastico e due orfanotrofi (femminile e maschile). Non è un caso che queste varie opere di istruzione furono letteralmente spazzate via dal fascismo: un segno indubbio del loro carattere laico e progressista. Anche l’inglese James Wall organizzò a Roma una scuola e una mensa annessa. Come per le altre Chiese evangeliche italiane del tempo, per i battisti l’evangelizzazione non fu mai separata da un'intensa attività educativa.
Nel 1884 l’Unione cristiana apostolica battista (Ucab) raggruppò tutte le organizzazioni battiste in Italia, e nel 1956 nacque l’Unione cristiana evangelica battista d’Italia (Ucebi), con statuto autonomo dalla missione americana. A partire dagli anni ’80 la spinta verso l’autonomia divenne sempre più forte: fu rivisto il Patto costitutivo, fu elaborato un nuovo Regolamento, più articolato e completo, fu dotata l’Unione di una sua Confessione di fede.
Nel 1990 si tenne a Roma una sessione straordinaria congiunta dell’Assemblea Generale dell’Ucebi e del Sinodo delle Chiese valdesi e metodiste. In quella occasione fu approvato il “Documento sul reciproco riconoscimento fra Chiese battiste, metodiste e valdesi in Italia”, in cui si prende atto delle differenze riguardo alla prassi battesimale ma si riconosce nel contempo che ciò non costituisce ostacolo alla loro collaborazione. In particolare si afferma che “laddove, indipendentemente dalla forma e dal tempo in cui il battesimo è stato celebrato, si riscontra in chi l’ha ricevuto la realtà dei suoi frutti, per cui grazie all’azione dello Spirito la sostanza del battesimo è presente in quella persona,” il credente, proveniente dalle altre due Chiese, è accolto nelle Chiese battiste come membro a pieno titolo. L’importanza di questo documento nell’ecumene cristiana è assai notevole per il fatto che riguarda confessioni battiste (cioè che battezzano i credenti) e pedobattiste (cioè che battezzano gli infanti) e grandi speranze ha fatto nascere nel campo della collaborazione fra le tre denominazioni evangeliche in Italia, di cui il giornale Riforma è uno dei frutti più maturi.
Loggato

http://studiandolateologia.forumfree.it
http://consulenzaebraica.forumfree.it
http://forumbiblico.forumfree.it
Sandro_48
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
WWW   

Posts: 1394
Re: Chi sono i protestanti   "storici".
« Rispondi #1 Data del Post: 06.08.2018 alle ore 11:21:00 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

meno di 25 letture:
in realtà , purtroppo, dei protestanti storici non gliene importa niente a nessuno,  e secondo gli studi , sono destinati ad estinguersi e ad essere sostituiti da una marea di Pentecostali, questi ultimi in lotta tra di loro: da una parte gli evangelici pentecostali delle  ADI  (trinitari) e dall'altra parte i pentecostali internazionali (anti-trinitari).
Che mondo bislacco !
Sandro_48
06/08/2018
Loggato

http://studiandolateologia.forumfree.it
http://consulenzaebraica.forumfree.it
http://forumbiblico.forumfree.it
Marmar
Admin
*****




Dio è buono

   
WWW   

Posts: 6706
Re: Chi sono i protestanti   "storici".
« Rispondi #2 Data del Post: 06.08.2018 alle ore 17:00:04 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Pentecostali internazionali anti-trinitari? Chi sono?
Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
Sandro_48
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
WWW   

Posts: 1394
Re: Chi sono i protestanti   "storici".
« Rispondi #3 Data del Post: 06.08.2018 alle ore 21:15:30 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Caro Marcello bisognerà aspettare la loro ri-apertura a settembre per comunicarti il loro sito web.  Comunque la direzione dei pentecostali internazionali anti-trinitari è negli Stati Uniti d' America.
 c'è una loro chiesa a 2 KM da casa mia: a settembre te li vado a pescare così ti accontento, sebbene i nostri rapporti si siano interrotti spontaneamente e né io cerco loro né loro cercano me. e stiamo bene nell'indifferenza reciproca.
 
Sandro_48
« Ultima modifica: 07.08.2018 alle ore 08:44:55 by Sandro_48 » Loggato

http://studiandolateologia.forumfree.it
http://consulenzaebraica.forumfree.it
http://forumbiblico.forumfree.it
Sandro_48
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
WWW   

Posts: 1394
Re: Chi sono i protestanti   "storici".
« Rispondi #4 Data del Post: 09.08.2018 alle ore 08:46:13 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Pentecostali Internazionali  (anti-trinitari) si chiamano anche:
Chiesa Unita Pentecostale Internazionale:
Sito Internet:
www.upci.it   oppure
 
[
« Ultima modifica: 09.08.2018 alle ore 08:47:05 by Sandro_48 » Loggato

http://studiandolateologia.forumfree.it
http://consulenzaebraica.forumfree.it
http://forumbiblico.forumfree.it
Sandro_48
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
WWW   

Posts: 1394
Re: Chi sono i protestanti   "storici".
« Rispondi #5 Data del Post: 09.08.2018 alle ore 08:55:03 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Chiesa UNita Pentecostale Internazionale
sito internet alternativo:
www.upci-milano.it
 
cell.     347.72.48.178
 
sede centrale   : Milano, via Carlo Farini,   40
 
succursale vicina 2 Km da casa Mia : Via Verro, 89, Milano
 (anziano : Giacomo)  ) P( Pastore  : Antonio)
« Ultima modifica: 09.08.2018 alle ore 09:06:34 by Sandro_48 » Loggato

http://studiandolateologia.forumfree.it
http://consulenzaebraica.forumfree.it
http://forumbiblico.forumfree.it
Sandro_48
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
WWW   

Posts: 1394
Re: Chi sono i protestanti   "storici".
« Rispondi #6 Data del Post: 09.08.2018 alle ore 09:01:21 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Chiesa Unita Pentecostale Internazionale  ( Anti-Trinitaria)
https://it.wikipedia.org/wiki/Chiesa_unita_pentecostale_internazionale
 
cell   338.27.38.063     (che sia il cell. dell'anziano   Giacomo ? ) non rammento
 
Sandro_48
« Ultima modifica: 09.08.2018 alle ore 09:09:46 by Sandro_48 » Loggato

http://studiandolateologia.forumfree.it
http://consulenzaebraica.forumfree.it
http://forumbiblico.forumfree.it
Sandro_48
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
WWW   

Posts: 1394
Re: Chi sono i protestanti   "storici".
« Rispondi #7 Data del Post: 09.08.2018 alle ore 09:13:46 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Chiesa Unita Pentecostale Internazionale (Anti-Trinitaria)
Ti aspettiamo ogni Domenica per il culto alle ore 10.30 e ogni giovedì alle ore 20.00 per lo studio biblico, in via Bernardino Verro 89 -  Milano
Loggato

http://studiandolateologia.forumfree.it
http://consulenzaebraica.forumfree.it
http://forumbiblico.forumfree.it
Marmar
Admin
*****




Dio è buono

   
WWW   

Posts: 6706
Re: Chi sono i protestanti   "storici".
« Rispondi #8 Data del Post: 09.08.2018 alle ore 09:22:53 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Grazie, ma la mia era solo curiosità.
Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
Pagine: 1  · torna su · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Icons made by Freepik, Daniel Bruce, Scott de Jonge, Icomoon, SimpleIcon from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0
Powered by YaBB 1 Gold - SP 1.4 - Forum software copyright © 2000-2004 Yet another Bulletin Board

    
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti