Ti senti solo? Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati. RegolamentoLeggi il regolamento completo  RSSIscrizione feed RSS

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

    
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Dottrina e riflessioni bibliche
(Moderatori: andreiu, ilcuorebatte, Asaf)
   Giovanni 3:16
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 ... 3 4 5 6 7  ...  14 · vai in fondo · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Giovanni 3:16  (letto 13677 volte)
New
Membro familiare
****



Io posso ogni cosa in Cristo che mi fortifica

   


Posts: 3938
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #60 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 14:57:19 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 09.03.2017 alle ore 12:34:21, Roseline7 wrote:
Quindi tu, mentre evangelizzi, dirai sicuramente al ladro: "Tu rubi, ma Dio ti ama! Dio odia quello che stai facendo, odia le tue azioni, però comunque ti ama."

Cara Roseline, se ho l'occasione di poter evangelizzare un ladro, come pure ogni altra persona che vive nel peccato, prima di tutto gli parlerei dell'amore di Dio per gli uomini, gli direi: Dio ti ama tanto, tanto, tanto e vuol farti sentire il suo amore e gli direi che è bellissimo sentirsi amati da Dio, ecc. ecc. e, se lui mi dice che non sente l'amore di Dio, allora gli spiegherei che non può sentirlo perché c'è il peccato dimorante in lui che fa da barriera e gli impedisce di avvertire l'amore di Dio; ma Dio ha provveduto a tutto e se ti ravvedi e accetti che Dio, attraverso il Signore Gesù, Lui ti cambia interiormente togliendoti la natura peccaminosa e dandoti un nuovo cuore e allora sentirai l'amore di Dio e vivrai una vita nuova tutta nella gioia del Signore e avrai la salvezza eterna, ecc. ecc..
 
Cara Roseline, lo so che nella Bibbia non c'è l'espressione "Sorridenteio odia il peccato, ma ama il peccatore", ma vedi non c'è come frase, ma c'è concettualmente, perché bisogna andare al di là delle parole scritte, ossia andare allo Spirito che c'è nella lettera e non fermarsi nella lettera che c'è all'esterno dello Spirito perché la sola lettera uccide (2Corinzi 3:6), le Parole del Signore sono Spirito e Vita (Giovanni 6:63).
 
Il Signore ha detto:
 
Ma amate i vostri nemici, fate del bene, prestate senza sperarne nulla e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell'Altissimo; poiché egli è buono verso gli ingrati e i malvagi. - Luca 6:35  
 
E ricordiamoci il Salmo che dice:
 
Il SIGNORE è buono verso tutti, pieno di compassioni per tutte le sue opere. - Salmi 145:9
« Ultima modifica: 09.03.2017 alle ore 15:15:40 by New » Loggato
Andrea II
Membro
***



...

   


Posts: 192
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #61 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 15:10:09 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Caro Kosher,
continuo a dirti che mondo non ha un significato assoluto nel NT e che chiunque nel testo originale di Giovanni 3:16 neppure ci sta. Continuo a leggere "semplicemente" ciò che è scritto e cioè che l'unica salvezza è mediante la fede in Cristo. Non ho mai parlato di eletti o di predestinazione perché il testo non parla di ciò, chi vuole andare oltre ciò che è scritto non sono io (lo so, anche a costo di apparire banale).
 
Ma visto che tu riesci a capire quale dei tanti significati di kosmos è inteso in Giovanni 3:16, ti ripropongo le domande che ancora non hanno avuto risposta. L'esegesi magistrale di Domenico e gli strumenti accademici che avete a disposizione ti rendono davvero molto convinto.
 

on 09.03.2017 alle ore 14:17:08, kosher wrote:
1) amare: «Dio ha tanto amato il mondo (il Kosmos (umanità, creazione decaduta, teatro della storia della salvezza). Alla luce del vero significato di Kosmos credo non ci sia nulla da aggiungere all’ottimo intervento di Domenico.

 
La domanda sorge spontanea visto che kosmos è tutta l'umanità NESSUNO escluso: Dio ha tanto amato anche Caino, i beffardi contemporanei di Noè, gli abitanti di Sodoma, il Faraone, gli amalechiti, Balaam, Core e i suoi, Goliat, Acab e sua moglie Izebel? Solo per citarne alcuni ovviamente, ma Dio ha tanto amato anche loro e ha dato Suo Figlio anche per loro secondo te?
CORTESEMENTE ASPETTO UNA TUA RISPOSTA PRECISA.
 
Tutto questo, assieme all'intervento di Marmar che nel link trovo del tutto lontano dalla verità del Vangelo, dal canto mio denota una errata comprensione del Calvario. Ecco perchè poi si parla di amore di Dio e non ci si capisce, perchè non se ne è compreso l'atto più grande che lo ha reso manifesto a noi!!
Loggato
Roseline7
Simpatizzante
**



"Vi do la mia pace"

   


Posts: 27
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #62 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 16:19:11 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

-----------------------------------
Finalmente delle risposte. Noto negli interventi di Roseline un gran confusione.  
 
Scrive testualmente: «Il colmo è che citi il libro di Giona, il quale parla di peccatori CHE SI RAVVEDONO. Mi dici "Sorridenteio ama i peccatori perché li ha risparmiati dalla sua ira!" Invece no, Dio li ha risparmiati PERCHE' SI SONO RAVVEDUTI! Altrimenti sarebbe accaduto come a Sodoma e a Gomorra! Infatti spiegami dov'era l'amore di Dio, per come lo intendi tu, nell'epoca di Sodoma e di Gomorra». E' evidente che  della doppia predestinazione non ci ha capito nulla, infatti ammette – e lo fa anche a caratteri cubitali, Sic! - quello che nessuno nega: «PERCHE' SI SONO RAVVEDUTI». Appunto, quelli che si sono ravveduti.  
----------------------------------------------
 
Io non vedo nessuna confusione, penso di essermi espressa abbastanza chiaramente. Ho citato versetti su versetti che sono rimasti completamente ignorati.  
D'altra parte almeno io sto cercando di portare un valido contributo alla discussione, parlando direttamente con chi mi interpella; tu invece intervieni per parlare degli altri (me compresa) in terza persona con tono sarcastico e beffardo, senza aggiungere niente di concreto a ciò di cui si sta parlando, senza rivolgerti a nessuno in particolare, ma solo per sparare sentenze.
Gli "interventi" che hai fatto citandomi non hanno né capo né coda, dici che sono confusionaria ma poi te la svigni, senza confutarmi.
Dai, rispondimi pure, se per te ne vale la pena.  
E la "doppia predestinazione" te la sei immaginata, perché io non ne ho mai parlato.
 
------------------------------------------------------
Cara Roseline, se ho l'occasione di poter evangelizzare un ladro, come pure ogni altra persona che vive nel peccato, prima di tutto gli parlerei dell'amore di Dio per gli uomini, gli direi: Dio ti ama tanto, tanto, tanto e vuol farti sentire il suo amore e gli direi che è bellissimo sentirsi amati da Dio, ecc. ecc. e, se lui mi dice che non sente l'amore di Dio, allora gli spiegherei che non può sentirlo perché c'è il peccato dimorante in lui che fa da barriera e gli impedisce di avvertire l'amore di Dio; ma Dio ha provveduto a tutto e se ti ravvedi e accetti che Dio, attraverso il Signore Gesù, Lui ti cambia interiormente togliendoti la natura peccaminosa e dandoti un nuovo cuore e allora sentirai l'amore di Dio e vivrai una vita nuova tutta nella gioia del Signore e avrai la salvezza eterna, ecc. ecc..  
----------------------------------
 
Scusa New, ma non hai letto evidentemente tutto il mio intervento. Ripeto: se Dio lo ama così "tanto, tanto, tanto", perché se dovesse morire andrebbe all'inferno? E soprattutto: perché vi sentite in dovere di mentire agli increduli? Pensate così di farli avvicinare a Dio più volentieri? Pensate di "sconvolgerli" troppo con un parlare duro e franco come quello degli apostoli? Pensate di essere più buoni di Gesù usando questo parlare? Evidentemente sì.
Ma parliamo di cose CONCRETE  e vediamo come predicava Giovanni il battista:
 
(Matteo 3:1-12) In quei giorni venne Giovanni il battista, che predicava nel deserto della Giudea, e diceva: “Ravvedetevi, perché il regno dei cieli è vicino”. (…) Fate dunque dei frutti degni del ravvedimento. (…) Ormai la scure è posta alla radice degli alberi; ogni albero dunque che non fa buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. (…) Colui che viene dopo di me è più forte di me (…) egli vi battezzerà con lo Spirito Santo e con il fuoco. Egli ha il suo ventilabro in mano, ripulirà interamente la sua aia e raccoglierà il suo grano nel granaio, ma brucerà la pula con fuoco inestinguibile”.
 
Come predicava Gesù:
 
(Matteo 4:17) Da quel tempo Gesù cominciò a predicare e a dire: “Ravvedetevi, perché il regno dei cieli è vicino”.
 
(Marco 1:15) Gesù si recò in Galilea predicando il vangelo di Dio e dicendo: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; ravvedetevi e credete al vangelo”.
 
E come predicavano i discepoli:
 
(Atti 2:36-40) “Sappia dunque con certezza tutta la casa d'Israele che Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso.” Udite queste cose, essi furono compunti nel cuore e dissero a Pietro e agli altri apostoli: “Fratelli, che dobbiamo fare?” E Pietro disse loro: “Ravvedetevi e ciascuno di voi sia battezzato nel nome di Gesù Cristo, per il perdono dei vostri peccati, e voi riceverete il dono dello Spirito Santo. Perché per voi è la promessa, per i vostri figli e per tutti quelli che sono lontani, per quanti il Signore, nostro Dio, ne chiamerà”. E con molte altre parole li scongiurava e li esortava, dicendo: “Salvatevi da questa perversa generazione”.
 
(Atti 3:19) Ravvedetevi dunque e convertitevi, perché i vostri peccati siano cancellati.
 
(Atti 4:12) In nessun altro è la salvezza; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati.
 
(Atti 5:42) E ogni giorno, nel tempio e per le case, non cessavano di insegnare e di portare il lieto messaggio che Gesù è il Cristo.
 
(Atti 9:20) E subito Paolo si mise a predicare Gesù nelle sinagoghe, affermando che egli è il Figlio di Dio.
 
(Atti 10:42-43) E Dio ci ha comandato di annunciare al popolo e di testimoniare che Gesù è colui che è stato da Dio costituito giudice dei vivi e dei morti. Di lui attestano tutti i profeti che chiunque crede in lui riceve il perdono dei peccati mediante il suo nome.
 
(Atti 13:38-39) Vi sia dunque noto, fratelli, che per mezzo di lui vi è annunciato il perdono dei peccati; e, per mezzo di lui, chiunque crede è giustificato di tutte le cose, delle quali voi non avete potuto essere giustificati mediante la legge di Mosè.
 
Dove sta scritto che dicevano "Sorridenteio vi ama"? Gesù diceva forse "Io vi amo"? A me non sembra. Ecco gli esempi che siamo chiamati ad IMITARE nella predicazione, e in nessuno di essi viene proclamato l'amore di Dio per i peccatori.
Vuoi dire qualcosa di diverso? Sei libero/a di farlo, ma non è biblico. Perché, appunto, non corrisponde al messaggio biblico.
Loggato
Roseline7
Simpatizzante
**



"Vi do la mia pace"

   


Posts: 27
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #63 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 16:20:12 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

---------------------------------------------
Cara Roseline, lo so che nella Bibbia non c'è l'espressione "Sorridenteio odia il peccato, ma ama il peccatore", ma vedi non c'è come frase, ma c'è concettualmente, perché bisogna andare al di là delle parole scritte, ossia andare allo Spirito che c'è nella lettera e non fermarsi nella lettera che c'è all'esterno dello Spirito perché la sola lettera uccide (2Corinzi 3:6), le Parole del Signore sono Spirito e Vita (Giovanni 6:63).  
------------------------------------------
 
"La lettera uccide ma lo Spirito vivifica" si riferisce al vecchio e al nuovo patto, perché l'antico patto è chiamato "ministerio della morte". Quindi non c'entra niente con questa discussione.
E il fatto che tu abbia tirato in ballo questo versetto estraneo al contesto per far valere il tuo punto di vista, non fa che dimostrare la "pericolosità" del vostro modo di pensare. Vi sentite pienamente in diritto di prendere qualsiasi parte della Bibbia per sostenere tesi del tutto infondate!  
Infatti grazie alla cattiva interpretazione di questo versetto vi sentite liberi di togliere e aggiungere cose alla Bibbia, perché ovviamente "la lettera uccide". Bisogna aggiungere anche un po' di "Spirito" (cioè cose inventate) e quindi staccarsi dalla "lettera" (la Bibbia) per rendere il tutto completo!!!
Non vedi l'assurdità di questo modo di pensare? Non mi meraviglia che tu abbia detto finora soltanto cose antibibliche, tirando fuori modi di dire mondani e derivanti dalla TUA persona e dal TUO modo di pensare, senza consultare la Bibbia.
La cosa buffa è che dici pure che "le parole del Signore sono Spirito e vita", però queste parole del Signore (ergo: la Bibbia) tu non le prendi minimamente in considerazione.  
 
Tornando all'argomento della discussione, ripeto: è italiano; se dici a una persona che Dio la ama, questa persona penserà, appunto, che Dio la ama. E se vi dirà che non sente l'amore di Dio nella sua vita, è perché, appunto, non c'è l'amore di Dio nella sua vita, perché si trova sotto l'ira di Dio AL MOMENTO. Questo non lo si può negare.
Ma cullando le persone in questo Vangelo annacquato e addolcito, che poi Vangelo non è, voi vi illudete di fare un favore alle persone, quando invece non è così, perché Gesù non lo fece. Gesù e tutti gli altri avevano un modo di predicare duro, impopolare, voi pensereste "senza pietà". Eppure le persone si convertivano lo stesso. Ed erano compunte nel cuore. E non dicevano assolutamente "Ehi, mi stai offendendo dicendomi che mi devo ravvedere!", ma "Fratelli, che dobbiamo fare?"
Mentre oggi, sentendo voi, dicono "Okay, se Dio mi ama sicuramente non mi manderà all'inferno, sono a posto così", oppure, in molti casi, "Va bene diventerò cristiano, e posso continuare a vivere come ho vissuto finora, perché Dio mi ama e di certo non smetterà di farlo".
Chi vuole capire capisca!
Loggato
andreiu
Admin
*****




Gesù è la mia vita

   
WWW    E-Mail

Posts: 5379
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #64 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 17:35:14 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 09.03.2017 alle ore 15:10:09, Andrea II wrote:
Caro Kosher,
continuo a dirti che mondo non ha un significato assoluto nel NT e che chiunque nel testo originale di Giovanni 3:16 neppure ci sta.

 
Sei sicuro che nel testo greco non c'è "chiunque"?
Loggato

http://forumbiblico.community.leonardo.it/
Andrea II
Membro
***



...

   


Posts: 192
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #65 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 18:13:31 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Il testo greco l'ho riportato qualche post fa, sarebbe letteralmente (anche se meno leggibile in italiano) affinché ognuno che crede....  
Non è il massimo ma quoto qualcosa che ho scritto io stesso, scusatemi ma credo sia più semplice per la lettura.

on 09.03.2017 alle ore 10:10:02, Andrea II wrote:

Il testo di Giovanni NON dice chi sono coloro che crederanno e continuare a ripetere la parola chiunque non aggiunge nulla alla provenienza della fede di tali uomini. Il testo dice che TUTTI quelli che crederanno non moriranno ma avranno la vita eterna. L’accento è sul credere non sul chiunque! E proprio Domenico che legge i dizionari di greco dovrebbe sapere che nel testo originale non c’è alcuna parola che corrisponde al “chiunque” inserito nelle nostre Bibbie italiane per rendere un’altra espressione altrimenti poco leggibile. Letteralmente è scritto: πᾶς ὁ πιστεύων  e cioè ogni credente. Giovanni sta dicendo che tutti i credenti avranno la vita eterna in Cristo Gesù dato da Dio per amore, e questo nessuno lo ha mai negato!  
Ma questo testo ci dice in che modo e chi sono coloro che crederanno? Chi trae questa conclusione dimentica la SOMMA DELLA PAROLA e giunge ad una conclusione errata perché semplicemente il verso non parla di questo!!
Loggato
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #66 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 18:34:05 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Ciao Andrea II,  
È molto probabile che tu abbia una Bibbia diversa da tutti noi, perché il chiunque è riportato in tutte le versioni.
Mi pare molto arido il tuo discutere sul nulla, non credi?
A cosa serve incaponirsi pur di far valere l'impossibile?
Loggato

Nick skype Ristoramento
New
Membro familiare
****



Io posso ogni cosa in Cristo che mi fortifica

   


Posts: 3938
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #67 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 18:34:25 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 09.03.2017 alle ore 16:19:11, Roseline7 wrote:
Ripeto: se Dio lo ama così "tanto, tanto, tanto", perché se dovesse morire andrebbe all'inferno?

Se il peccatore impenitente dovesse morire in quello stato andrebbe all'inferno per la sua volontà di non ravvedersi, cioè di continuare a vivere nel peccato per il suo egoismo e per gratificare così la sua carnalità soddisfando gli appetiti della sua carne.
Cara Roseline, penso che anche tu sia d'accordo nel ritenere che il figlio prodigo era amato da Padre e che il Padre amava il figlio prodigo anche quando se n’era andato, se non tornava a casa il Padre lo avrebbe amato lo stesso, ma il figlio prodigo sarebbe vissuto nella morte dovuta alla lontananza del Padre che, come si deduce da qui lo amava:
 
ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita; era perduto ed è stato ritrovato"». - Luca 15:32


on 09.03.2017 alle ore 16:20:12, Roseline7 wrote:
"La lettera uccide ma lo Spirito vivifica" si riferisce al vecchio e al nuovo patto

 
Cara Roseline, noi siamo ministri del Nuovo Patto e dobbiamo basarci sullo Spirito, certo che ci vuole anche la lettera perché non possiamo modificare il testo biblico per adattarlo al nostro pensiero, ma dobbiamo invece cogliere lo Spirito che c’è dentro la lettera perché la Parola di Dio è viva, cara Roseline è viva perchè ama.
 
Se parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi amore, sarei un rame risonante o uno squillante cembalo. - 1Corinzi 13:1  
 
La Bibbia è la storia dell’amore di Dio per gli uomini e leggendo la Bibbia con amore e passione non si può non cogliere l’amore di Dio che c’è in tutta la narrazione, amore che ti entra dentro e ti dona gioia, pace, sicurezza e vittoria.
 

« Ultima modifica: 09.03.2017 alle ore 18:36:48 by New » Loggato
Domenico
Membro familiare
****




Certo, beni e bontà m'accompagneran no (Sal. 23:6)

   


Posts: 857
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #68 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 20:47:17 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


Quote:
Scusate se non sono riuscito a spiegare il punto in modo chiaro e la mia banale lettura impallidisce davanti ai sapienti che scrivono i dizionari (concedetemi un pochino di ironia) e all’esegesi di Domenico. Per quanto semplice non mi pare di aver fatto forzature su Giovanni 3:16; essendomi infatti limitato al testo ne leggo semplicemente quanto scritto senza andare oltre o caricare di significato parole che mi piacciono più di altre. Riassumo quanto detto in merito al passo in esame prima di rispondere a Domenico ed andare avanti nel prossimo post.
In Giovanni 3:16 si parla dell'amore di Dio per il mondo, questa parola ha molti significati e TUTTA la Scrittura mi dice che Dio ama solo i Suoi e non tutti i figli di Adamo
.
Sì, è vero che la parola mondo (gr. Kosmos) ha diversi significati, però tu non vuoi accettare che in Giovanni 3:16 ha il significato di umanità. Per confutare, non dico solamente me che scrivo, ma principalmente gli accademici che hanno scritto tanto sulla parola mondo (kosmo), dovreste citare una fonte scientifica, riconosciuta in campo internazionale, che gli accademici, si sono sbagliati nel definire il kosmos di Giovanni 3:16, umanità nel suo insieme. Tu invece ti limiti a ripetere che il kosmos ha diversi significati senza però indicare qual è il suo significato. Scusami, Andrea II: questo modo di esprimersi, non è confutazione; è semplicemente un chiacchierare senza avere un filo di logicità linguistica. Continui a ripetere “che Dio ama solo i suoi e non tutti gli uomini di Adamo”. Ora vediamo se questa tesi, reggerà alla prova dell’evidenza linguistica. A parte il fatto che Giovanni 3:16 non contiene l’idea “che Dio ama solo i suoi…”, esaminando i vari elementi che il passo contiene, si può vedere che questa idea, tanta decantata dai calvinisti, non ha base linguistica per sostenerla.  

Quote:
In Giovanni 3:16 è scritto che chiunque crede ha la vita eterna, TUTTA la Scrittura attesta che la fede salvifica è un dono di Dio e non qualcosa che è già nell'uomo
.
Giustissimo! A questo punto, però, bisogna tener presente le parole che il nostro passo contiene, cioè
 
1). “Affinché”. Affinché, è congiunzione finale. Al fine, allo scopo di, perché (S. Battaglia, GDLI (Grande dizionario della lingua italiana) Vol. I, pag. 212).
2). “Chiunque”. Chiunque, pronome relativo indefinito, abbraccia tutti, qualunque persona, ognuno (S. Battaglia, GDLI (Grande dizionario della lingua italiana) Vol. III, pag. 97); a qualsiasi ceto e condizione sociale si appartiene, senza distinzione e non c’è bisogno di fare nomi.
3). “Credere”. Questa parola ha una grandissima importanza e un enorme valore teologico. Infatti, Giovanni 3:16, contiene una precisa e preziosa promessa di vita eterna, a condizione che si creda nell’unigenito Figlio di Dio. L’esortazione a credere, è rivolta a “chi crederà”, cioè a l’uomo e, non c’è la minima traccia, (linguisticamente parlando) di un’azione che dovrà compiere Dio. In altre parole: non è Dio che dovrà credere, ma esclusivamente l’uomo. Da parte Sua, Dio, ha manifestato di avere amato tanto il mondo e di aver dato il Suo unigenito Figlio; da parte dell’uomo (senza specificare chi) dovrà credere per avere la vita eterna. Senza questa azione specifica da parte dell’uomo, non c’è vita eterna, cioè salvezza, ma giudizio, condanna senza appello, cioè definitiva (vv. 17-18). Questo è chiaramente ciò che afferma Giovanni 3:15-18. Anche se resta fermo il fatto che la salvezza è un dono di Dio (Romani 6:23), nel senso che è Lui che l’ha procurata e l’offre gratuitamente, nondimeno l’uomo viene invitato a credere, per avere ciò che Dio promette. Se questo non è il senso di questo passo, mi domando: che senso avrebbe il credere dell’uomo, visto che sarebbe una parola vuota, priva di significato? Siccome la parola credere ha il suo particolare significato e la sua particolare importanza per ciò che riguarda la salvezza, vediamo che cosa dice la Bibbia al tal proposito in tanti passi.
 
L’invito a credere
 
Le varie citazioni che faremo intorno a credere, nelle sue varie forme del verbo, saranno presi solo dagli scritti del N.T.
1) Romani 10:10 infatti con il cuore si crede per ottenere la giustizia e con la bocca si fa confessione per essere salvati.
2) Atti 16:31 Ed essi risposero: «Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato tu e la tua famiglia».
3) Marco 16:15-16 E disse loro: «Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura.
Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi non avrà creduto sarà condannato
.
4) Giovanni 3:36 Chi crede nel Figlio ha vita eterna, chi invece rifiuta di credere al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio rimane su di lui».  
5) Giovanni 5:24 In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.  
6) Giovanni 6:40 Poiché questa è la volontà del Padre mio: che chiunque contempla il Figlio e crede in lui, abbia vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno».  
7) Giovanni 6:47 In verità, in verità vi dico: chi crede in me ha vita eterna.  
8) 1 Timoteo 1:16 Ma per questo mi è stata fatta misericordia, affinché Gesù Cristo dimostrasse in me, per primo, tutta la sua pazienza, e io servissi di esempio a quanti in seguito avrebbero creduto in lui per avere vita eterna.  
9) 1Giovanni 5:13 Vi ho scritto queste cose perché sappiate che avete la vita eterna, voi che credete nel nome del Figlio di Dio.    
10) Giovanni 6:29 Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».
11) Giovanni 20:31 ma questi sono stati scritti, affinché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e, affinché, credendo, abbiate vita nel suo nome.    
Infine, la vita eterna può essere respinta.
Atti 13:46 [Ma Paolo e Barnaba dissero con franchezza: «Era necessario che a voi per primi si annunziasse la Parola di Dio; ma poiché la respingete e non vi ritenete degni della vita eterna, ecco, ci rivolgiamo agli stranieri.

Quote:
In Giovanni 3:16 è detto che Dio ha dato Suo Figlio Unigenito per dare la vita eterna, TUTTA la Scrittura dichiara che ciò è possibile perché Egli è morto ed ha di fatto pagato il prezzo dell’iniquità e compiuto la propiziazione
.
Concordo.  

Quote:
Il testo di Giovanni NON dice chi sono coloro che crederanno e continuare a ripetere la parola chiunque non aggiunge nulla alla provenienza della fede di tali uomini. Il testo dice che TUTTI quelli che crederanno non moriranno ma avranno la vita eterna. L’accento è sul credere non sul chiunque! E proprio Domenico che legge i dizionari di greco dovrebbe sapere che nel testo originale non c’è alcuna parola che corrisponde al “chiunque” inserito nelle nostre Bibbie italiane per rendere un’altra espressione altrimenti poco leggibile. Letteralmente è scritto: πᾶς ὁ πιστεύων e cioè ogni credente. Giovanni sta dicendo che tutti i credenti avranno la vita eterna in Cristo Gesù dato da Dio per amore, e questo nessuno lo ha mai negato!
 
« Ultima modifica: 13.03.2017 alle ore 17:37:27 by Domenico » Loggato
Domenico
Membro familiare
****




Certo, beni e bontà m'accompagneran no (Sal. 23:6)

   


Posts: 857
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #69 Data del Post: 09.03.2017 alle ore 20:48:45 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Esatto! Però il termine chiunque include qualsiasi persona. Anche se πᾶς ὁ πιστεύων ogni credente, che poi nel suo significato lettera è lo stesso di chiunque, resta fermo il concetto di un’azione specifica che dovrà compire, l’uomo, chiunque esso sia.  

Quote:
Ma questo testo ci dice in che modo e chi sono coloro che crederanno? Chi trae questa conclusione dimentica la SOMMA DELLA PAROLA e giunge ad una conclusione errata perché semplicemente il verso non parla di questo!!

Non lo specifica! Però, con i termini che il testo usa, si riferisce immancabilmente all’uomo, chiunque esso sia.

Quote:
Dopo queste quattro pagine spero sia chiaro ad ogni lettore del forum che quando si dice a pieni polmoni che Dio ama tutto il mondo lo si fa pur sapendo che c'è UN SOLO verso in tutta la Bibbia a dirlo....... Spero sia chiaro che l'interpretazione di questo unico verso è condizionata dall'orientamento teologico di ognuno di noi....... Ed infine spero sia chiaro che né Gesù Cristo né gli Apostoli hanno MAI detto nulla di simile agli increduli e che voi oggi si sia compreso meglio di loro quale sia il messaggio della salvezza in poche parole.......

I buoni intenditori, senza dubbio, sapranno comprende tutta l’argomentazione che si è fatta in queste pagine, cioè che Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Questa verità dogmatica, racchiude tutto il messaggio evangelico nella sua semplicità e chiarezza, valido per ogni tempo e per ogni generazione. Infine, tutti i testi che abbiamo citato, ruotano, in perfetta armonia con Giovanni 3:16.
 
In ultino, si tengono presenti quest’altri due testi
Giovanni 4:42 e dicevano alla donna: «Non è più a motivo di quello che tu ci hai detto, che crediamo; perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi è veramente il Salvatore del mondo».
1Giovanni 4:14 E noi abbiamo veduto e testimoniamo che il Padre ha mandato il Figlio per essere il Salvatore del mondo.
 
« Ultima modifica: 10.03.2017 alle ore 13:18:32 by Domenico » Loggato
kosher
Membro familiare
****




Neve Shalom Wahat al-Salam

   


Posts: 423
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #70 Data del Post: 10.03.2017 alle ore 01:01:25 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 09.03.2017 alle ore 16:19:11, Roseline7 wrote:
-----------------------------------
Finalmente delle risposte. Noto negli interventi di Roseline un gran confusione.  
 
Scrive testualmente: «Il colmo è che citi il libro di Giona, il quale parla di peccatori CHE SI RAVVEDONO. Mi dici "Sorridenteio ama i peccatori perché li ha risparmiati dalla sua ira!" Invece no, Dio li ha risparmiati PERCHE' SI SONO RAVVEDUTI! Altrimenti sarebbe accaduto come a Sodoma e a Gomorra! Infatti spiegami dov'era l'amore di Dio, per come lo intendi tu, nell'epoca di Sodoma e di Gomorra». E' evidente che  della doppia predestinazione non ci ha capito nulla, infatti ammette – e lo fa anche a caratteri cubitali, Sic! - quello che nessuno nega: «PERCHE' SI SONO RAVVEDUTI». Appunto, quelli che si sono ravveduti.  
----------------------------------------------
 
Io non vedo nessuna confusione, penso di essermi espressa abbastanza chiaramente. Ho citato versetti su versetti che sono rimasti completamente ignorati.

 
Cosa dovrei confutare? Hai citato decine di versetti senza nemmeno spiegarli e pretendi confutazioni? Citare versetti (credendo di avere la verità in tasca) significa interpretarli?  
 

Quote:
Gli "interventi" che hai fatto citandomi non hanno né capo né coda, dici che sono confusionaria ma poi te la svigni, senza confutarmi.

 
Cosa dovrei confutare, dici di essere d'accordo con Andrea poi dici che in Gv 3,16 la doppia predestinazione non c'è e dovrei confutarti? Hai capito la posizione di Andrea rispetto a Gv 3,16?
 

Quote:
Dai, rispondimi pure, se per te ne vale la pena.

 
Hai detto che eri d’accordo con Andrea  salvo poi scrivere: «Pur lasciando perdere la dottrina della predestinazione, comunque, che ho citato solo per dimostrare che Dio ama il giusto e odia l'empio, il succo non cambia, perché non è di predestinazione che tratta Giovanni 3:16.»; Aiuto!
 
Prima dici che sei d’accordo con Andrea salvo poi affermare: «Guarda che stiamo dicendo la stessa cosa. Lo hai scritto tu qui: "SE l'empio accetterà l'invito alla conversione...". Appunto, SE. SE l'empio si converte, Dio lo amerà. Altrimenti no.»  Con quel "se l'empio si converte, Dio lo amerà. Altrimenti no pensi di essere in linea col pensiero di Andrea? Secondo me continui a fare confusione.
 

Quote:
E la "doppia predestinazione" te la sei immaginata, perché io non ne ho mai parlato.

 
Ah no? Tu non hai mai parlato di doppia predestinazione? Questo lo hai scritto tu:
 

Quote:
No, mi dispiace, ma tu vuoi far quadrare le Scritture con il tuo punto di vista.  
Tu confondi gli eletti, i predestinati, con i peccatori DESTINATI ad essere distrutti. Io non vorrei parlare di predestinazione, ma il discorso verte adesso in quel senso e non potremmo andare avanti senza tirarla in ballo. Potrei citarti una marea di versetti che sostengono il contrario, mi limito a quelli più famosi:  
 
(Romani 8:28) Ora sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suo disegno. Perché quelli che ha preconosciuti, li ha pure predestinati a essere conformi all’immagine del Figlio suo, affinché egli sia il primogenito fra molti fratelli; e quelli che ha predestinati, li ha pure chiamati; e quelli che ha chiamati, li ha pure giustificati; e quelli che ha giustificati, li ha pure glorificati.  
 
(Atti 11:18) Dio dunque HA DATO il ravvedimento anche ai Gentili affinché abbiano vita.  
 
(Efesini 2:8) Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; E' IL DONO DI DIO.  
 
(Atti 13:48) E tutti quelli CHE ERANO ORDINATI a vita eterna, credettero.  
 
(Giovanni 6:44) Nessuno può venire a me se il Padre che mi ha mandato non lo attira.  
 
(Giovanni 15:16) Non siete voi che avete scelto me, MA SONO IO CHE HO SCELTO VOI, e v'ho costituiti perché portiate frutto, e il vostro frutto rimanga; affinché tutto quel che chiederete al Padre nel mio nome, Egli ve lo dia.

Loggato

Dominus noster Iesus Christus, Deus unigenitus, primogenitus totius creationis.
kosher
Membro familiare
****




Neve Shalom Wahat al-Salam

   


Posts: 423
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #71 Data del Post: 10.03.2017 alle ore 01:04:54 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 09.03.2017 alle ore 15:10:09, Andrea II wrote:
Caro Kosher,
continuo a dirti che mondo non ha un significato assoluto nel NT e che chiunque nel testo originale di Giovanni 3:16 neppure ci sta. Continuo a leggere "semplicemente" ciò che è scritto e cioè che l'unica salvezza è mediante la fede in Cristo. Non ho mai parlato di eletti o di predestinazione perché il testo non parla di ciò, chi vuole andare oltre ciò che è scritto non sono io (lo so, anche a costo di apparire banale).
 
Ma visto che tu riesci a capire quale dei tanti significati di kosmos è inteso in Giovanni 3:16, ti ripropongo le domande che ancora non hanno avuto risposta. L'esegesi magistrale di Domenico e gli strumenti accademici che avete a disposizione ti rendono davvero molto convinto.
 
La domanda sorge spontanea visto che kosmos è tutta l'umanità NESSUNO escluso: Dio ha tanto amato anche Caino, i beffardi contemporanei di Noè, gli abitanti di Sodoma, il Faraone, gli amalechiti, Balaam, Core e i suoi, Goliat, Acab e sua moglie Izebel? Solo per citarne alcuni ovviamente, ma Dio ha tanto amato anche loro e ha dato Suo Figlio anche per loro secondo te?
CORTESEMENTE ASPETTO UNA TUA RISPOSTA PRECISA.

 
Se Dio avesse predestinato Caino perché si rivolge a lui dandogli la possibilità di scegliere?
«forse che se agisci bene non potrai tenere alto il volto? Ma se non fai bene il peccato giacerà alla porta e contro di te si volgono le sue brame; però tu devi dominarlo».  
 
Dio non predestina Caino come un burattinaio sadico ma lo lascia libero di agire e di scegliere. Per quanto riguarda Gv 3,16, credo che con la tua risposta tu non sia riuscito a confutare l'intervento di Domenico. Secondo me dovresti ammettere che nel passo giovanneo la doppia predestinazione non c'è.  
 
Loggato

Dominus noster Iesus Christus, Deus unigenitus, primogenitus totius creationis.
andreiu
Admin
*****




Gesù è la mia vita

   
WWW    E-Mail

Posts: 5379
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #72 Data del Post: 10.03.2017 alle ore 08:28:11 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

X Andrea II > in greco come hai detto tu abbiamo "ogni credente". Tuttavia il participio presente può anche essere tradotto con "colui che crede" e prendendo questa traduzione il "chiunque" ci sta tutto. Vorrei ricordarti che la traduzione deve essere scorrevole oltre che letterale. Detto questo usando la tua traduzione avremmo " Dio ha tanto amato il mondo da dare il Suo Unigenito Figlio, affinché ogni credente nel Suo Nome abbia vita eterna". Sinceramente non vedo alcuna differenza...  
 
Loggato

http://forumbiblico.community.leonardo.it/
Roseline7
Simpatizzante
**



"Vi do la mia pace"

   


Posts: 27
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #73 Data del Post: 10.03.2017 alle ore 22:49:37 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

--------------------------------
Se il peccatore impenitente dovesse morire in quello stato andrebbe all'inferno per la sua volontà di non ravvedersi, cioè di continuare a vivere nel peccato per il suo egoismo e per gratificare così la sua carnalità soddisfando gli appetiti della sua carne.  
-------------------------------
 
Sembrava un discorso quasi biblico! Peccato per "la volontà" del peccatore di non ravvedersi. Ovviamente è stato lui a scegliere di non salvarsi, perciò noi abbiamo il merito di esserci salvati. Quindi non grazie a Dio, ma grazie a noi. Va bene dai, mi sono già spiegata a sufficienza prima.
 
--------------------------------
Cara Roseline, penso che anche tu sia d'accordo nel ritenere che il figlio prodigo era amato da Padre e che il Padre amava il figlio prodigo anche quando se n’era andato, se non tornava a casa il Padre lo avrebbe amato lo stesso, ma il figlio prodigo sarebbe vissuto nella morte dovuta alla lontananza del Padre che, come si deduce da qui lo amava:  
---------------------------------
 
Cara New, qui si parla dell'amore di un Padre nel confronti del Figlio. Perciò Dio si riferisce ai Suoi Figli, non a coloro che non lo sono. Solo noi credenti siamo figli di Dio, gli altri no. Infatti nella parabola Dio è il Padre e noi siamo (o potremmo essere) il figlio prodigo, che si svia (perché ERA GIA' FIGLIO) e poi torna da Dio, che di fronte al nostro ravvedimento ci perdona.
Non capisco la necessità di prendere versetti che non c'entrano niente.
 
---------------------------------
Cara Roseline, noi siamo ministri del Nuovo Patto e dobbiamo basarci sullo Spirito, certo che ci vuole anche la lettera perché non possiamo modificare il testo biblico per adattarlo al nostro pensiero, ma dobbiamo invece cogliere lo Spirito che c’è dentro la lettera perché la Parola di Dio è viva, cara Roseline è viva perchè ama.
-------------------------------
 
Okay, ma ricordati che come tu "cogli lo Spirito" in un modo, un altro lo coglie in modo diverso; e altri dieci lo colgono in altri dieci modi diversi. Perciò la "verità" che tu hai "colto" sarà diversa da tutte le altre. E lo Spirito Santo, quindi, risulterà diviso e in contrasto fra di sé, perché tutti lo hanno interpretato in maniera diversa. Quando invece basterebbe attenersi semplicemente a ciò che è scritto.
 
Comunque vedo che non andiamo avanti, perciò non alimenterei ulteriormente questa discussione. Che Dio ti benedica.
 
-------------------------------
Cosa dovrei confutare? Hai citato decine di versetti senza nemmeno spiegarli e pretendi confutazioni? Citare versetti (credendo di avere la verità in tasca) significa interpretarli?  
---------------------------
 
Esatto, ecco la differenza tra me e voi. Io penso che i versetti si spieghino benissimo da soli, così come si leggono; a voi piace lavorare di fantasia e andare oltre a ciò che è scritto.
Cosa dovrei spiegare? La Bibbia parla da sola.
 
-------------------------
Cosa dovrei confutare, dici di essere d'accordo con Andrea poi dici che in Gv 3,16 la doppia predestinazione non c'è e dovrei confutarti? Hai capito la posizione di Andrea rispetto a Gv 3,16?
----------------------
 
La predestinazione è una, non doppia. Ho detto che Gv 3:16 non parla di predestinazione, o almeno non in modo evidente e diretto. Chi nega la predestinazione legge il versetto e capisce, sbagliando, che il peccatore è giudicato e sotto l'ira di Dio per propria volontà, chi invece ci crede capisce e sa che è Dio stesso a non attirarlo a Gesù per far sì che non si converta.  
Per questo ho detto ad Andrea II che Gv 3:16 viene frainteso più spesso da chi nega la predestinazione. Perché non fa il collegamento con i "vasi d'ira" e l'essere "sotto l'ira di Dio". Tutto qui.
 
----------------------------------
 Con quel "se l'empio si converte, Dio lo amerà. Altrimenti no pensi di essere in linea col pensiero di Andrea? Secondo me continui a fare confusione.  
---------------------------------
 
Non faccio confusione, ho parlato come parla la Bibbia. Anche se è Dio che sceglie di salvare, Dio chiama comunque alla conversione. Perciò se un peccatore si converte sarà salvato, ma è sottinteso che la volontà di convertirsi gli è data da Dio e non viene da una decisione personale.
 
Comunque, non sono venuta qui per discutere con nessuno ma semplicemente per dare sostegno al pensiero di Andrea II (che avevo già intuito fosse quello giusto). E ho colto l'occasione anche per esortare coloro che evangelizzano a farlo in modo biblico, dicendo agli increduli la verità dura e onesta, perché la riprensione è uno degli atti d'amore più grandi che possiamo fare verso il prossimo. Diluendo la verità non siete d'aiuto a nessuno, men che meno a Dio.
Detto questo, visto che anche in questo caso la discussione parte da due posizioni inconciliabili, è inutile continuare a dibattere senza venirci incontro. Che Dio ti benedica.
Loggato
Johannan
Membro
***



Gesù Cristo è il mio Signore

   


Posts: 215
Re: Giovanni 3:16
« Rispondi #74 Data del Post: 11.03.2017 alle ore 00:58:24 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Pace del Signore

on 10.03.2017 alle ore 22:49:37, Roseline7 wrote:
... Comunque, non sono venuta qui per discutere con nessuno ma semplicemente per dare sostegno al pensiero di Andrea II (che avevo già intuito fosse quello giusto). E ho colto l'occasione anche per esortare coloro che evangelizzano a farlo in modo biblico, dicendo agli increduli la verità dura e onesta, perché la riprensione è uno degli atti d'amore più grandi che possiamo fare verso il prossimo. Diluendo la verità non siete d'aiuto a nessuno, men che meno a Dio

Suppongo che il tuo modo di evangelizzare biblicamente un inconvertito sia quello di digli, "in tutta onestà", che il suo "eventuale" rifiuto ad accettare l'opera salvifica del Signore Gesù Cristo nella sua vita in realtà non dipende minimamente da lui ma è Dio che, prima della fondazione del mondo, lo aveva già costruito "vaso ad uso ignobile" e predestinato alla punizione eterna. Quindi nulla potrà fare! La sentenza di condanna è già stata pronunciata prima della creazione del mondo e a nulla servirebbe un suo eventuale sincero ravvedimento; del resto Gesù Cristo non è morto per lui, ne per lui é risorto.
Complimenti per l'onestà! Alla faccia della "buona novella" da annunciare!  No No No
 
Cara Roseline7, ti devi rendere conto che questa dottrina sancisce la nullità del sacrificio di Cristo per quelli "che sono stati predestinati per la perdizione", cioè stabilisce, sostanzialmente, che per loro Cristo non è venuto in carne per compiere il sacrificio, ed in merito a ciò Giovanni, nella sua seconda epistola, dice qualcosa di molto importante!  
 
2Giovanni 7
"Poiché molti seduttori sono usciti per il mondo i quali non confessano Gesù Cristo esser venuto in carne. Quello è il seduttore e l'anticristo."
 
Pace del Signore
 
P.S. Da quando in quà Dio ha bisogno dell'aiuto dell'uomo? Poi detto da una che la pensa come te è veramente una singolare bizzarria.
Loggato

Iddio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figliuolo, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna
Pagine: 1 ... 3 4 5 6 7  ...  14 · torna su · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Icons made by Freepik, Daniel Bruce, Scott de Jonge, Icomoon, SimpleIcon from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0
Powered by YaBB 1 Gold - SP 1.4 - Forum software copyright © 2000-2004 Yet another Bulletin Board

    
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti