Ti senti solo? Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati. RegolamentoLeggi il regolamento completo  RSSIscrizione feed RSS

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

    
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Dottrina e riflessioni bibliche
(Moderatori: andreiu, ilcuorebatte, Asaf)
   Re: Paolo e la donna nel cristianesimo.
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 2  · vai in fondo · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Re: Paolo e la donna nel cristianesimo.  (letto 2093 volte)
Grande_Puffo
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
E-Mail

Posts: 2319
Re: Paolo e la donna nel cristianesimo.
« Rispondi #15 Data del Post: 05.09.2016 alle ore 15:33:24 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 05.09.2016 alle ore 14:56:57, Stefanotus wrote:
Mi sembra chiaro che anche tra chi è intervenuto, la posizione più condivisa in termini biblici sia emersa chiaramente.  

Non direi, come su molti punti che vengono quotidianamente dibattuti senza che si possa arrivare a conclusioni condivise da tutti. Infatti ci sono grosse differenze fra le comunità, e non solo sul ministero femminile. Anche sul forum altri hanno "spegato" a te come loro interpretano la Parola dell'Eterno. Differenze destinate a crescere con l'immigrazione perché, per esempio, sul ministero femminile in Italia è maggioritaria, anche se non unanime, una posizione negativa, ma il ministero femminile è molto diffuso fra gli immigrati latino-americani.

on 05.09.2016 alle ore 14:56:57, Stefanotus wrote:
Secondo me la Bibbia non ci chiama in nessun punto a "discutere" di questa o l'altra posizione biblica. I cristiani non sono chiamati a fare "tavolino" per fare confronti culturali con chi non la pensa così.
 
Noi siamo chiamati (se ci riteniamo cristiani) a conoscere la Volontà di Dio e ubbidire ad essa per ottenere la benedizione che Dio ci ha promesso. Siamo davvero disposti a farlo?

OK, appurato che non sempre la conosciamo allo stesso modo la domanda è come fare se rileviamo delle differenze. Però effettivamente non c'entra con la specifica questione.
Loggato
Stefanotus
Visitatore

E-Mail

Re: Paolo e la donna nel cristianesimo.
« Rispondi #16 Data del Post: 05.09.2016 alle ore 16:58:30 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


on 05.09.2016 alle ore 15:33:24, Grande_Puffo wrote:
Non direi, come su molti punti che vengono quotidianamente dibattuti senza che si possa arrivare a conclusioni condivise da tutti. Infatti ci sono grosse differenze fra le comunità, e non solo sul ministero femminile. Anche sul forum altri hanno "spegato" a te come loro interpretano la Parola dell'Eterno.
Non mi sono spiegato. Non è per niente come affermi. Perchè la questione si è spostata dall'argomento specifico "ministero femminile" ad argomenti più profondi: interpretazione della Bibbia e premesse di approccio biblico. Su questi argomenti, come quello dottrinale, dati determinati elementi, NESSUNO ha più risposto.
Quindi significa semplicemente che...
 
1) se io domando a te (per esempio) cosa pensi sulla questione, tu sai darmi una tua posizione.
 
2) Se ti chiedo una motivazione biblica, citi si e no qualche versetto.  
 
3) Se ti dimostro che quel versetto non lo stai comprendendo e lo stai interpretando male... per diversi motivi...  
Tu (come altri) non rispondi più, quindi non sai dimostrare biblicamente la tua posizione. Questo richiederebbe approfondimenti e confronti per arrivare ad una posizione comune. Il dialogo è questo.
Invece tu, come altri, sparite e vi tirate indietro... quindi... capisci che...
 
Non è la stessa cosa che hai detto tu.

Quote:
Differenze destinate a crescere con l'immigrazione perché, per esempio, sul ministero femminile in Italia è maggioritaria, anche se non unanime, una posizione negativa, ma il ministero femminile è molto diffuso fra gli immigrati latino-americani.
Lascia perdere. Riesci a malapena a discutere di ciò che dice la Bibbia (che sarebbe obiettivo di questo forum) e adesso mi spingi a parlare di sociologia? Non cambiamo argomento.
 

Quote:
OK, appurato che non sempre la conosciamo allo stesso modo la domanda è come fare se rileviamo delle differenze.
La Verità è una soltanto, La Parola di Dio è la Verità. La verità non si trova in noi, si trova nella Bibbia. Noi siamo peccatori quindi sbagliamo.
Se rileviamo differenze è alla Bibbia che dobbiamo andare e adeguarci ad essa COME ESSA ci dice. Altrimenti... non siamo certo "evangelici".
 

Quote:
Però effettivamente non c'entra con la specifica questione.
esattamente. Su questo concordo.
Loggato
Grande_Puffo
Membro familiare
****




W questo FORUM!!!

   
E-Mail

Posts: 2319
Re: Paolo e la donna nel cristianesimo.
« Rispondi #17 Data del Post: 05.09.2016 alle ore 19:08:04 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 05.09.2016 alle ore 16:58:30, Stefanotus wrote:

3) Se ti dimostro che quel versetto non lo stai comprendendo e lo stai interpretando male... per diversi motivi...  

Anche chi la pensa diversamente dimostra che tu non stai comprendendo l'unico versetto che citi. In realtà c'è una chiara contrapposizione fra due serie di ragionamenti, e sono stati scritti centinaia di libri in favore di entrambe le interpretazioni.
 
Trovo molto interessante lo studio fatto nell'ottocento da Catherine Booth perché è esente dalle influenze del femminismo di oggi.
 
Il problema, come dicevo, è come convivere in presenza di interpretazioni differenti, poi su temi già così approfonditi credo che sia difficile scrivere qualcosa di nuovo.
Loggato
Stefanotus
Visitatore

E-Mail

Re: Paolo e la donna nel cristianesimo.
« Rispondi #18 Data del Post: 05.09.2016 alle ore 21:09:15 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Veramente a me non mi pare che abbiano dimostrato nulla
Loggato
Virtuale
Membro familiare
****



Abbi fiducia in Gesù

   


Posts: 3160
Re: Paolo e la donna nel cristianesimo.
« Rispondi #19 Data del Post: 08.01.2017 alle ore 09:25:34 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 31.08.2016 alle ore 15:35:52, Stefanotus wrote:

Perché si ad una donna ministro?

...secondo me Il Signore fa molte eccezioni qua e là....
 
Io so di una donna....che un pastore e una responsabile di una cellula...le hanno detto che lei è come un certo personaggio Bibblico......
 
Lei è una donna...e il personaggio Bibblico è un uomo.
Alché penso che quella donna ha un diritto e un`autorità ricevuta da Dio...come l`ha ricevuta quell`uomo....spiritualmente.................
 
Non so se nel Forum si è già parlato della donna Atalia.....2 Cronache 22:12.
 
Beché lei era molto crudele, "Atalia regnava sul paese".
 
Regnare = Dominare, comandare su qualcuno o in un luogo.
 
....e si sa che le autorità sono stabilite da Dio.
Loggato

"Zia, ma quando Gesù è risorto ha fatto il buco nell`ozono ? " (bambino) di Tony Kospan.
Pagine: 1 2  · torna su · Rispondi Rispondi   Create+Poll Create+Poll   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Icons made by Freepik, Daniel Bruce, Scott de Jonge, Icomoon, SimpleIcon from www.flaticon.com is licensed by CC BY 3.0
Powered by YaBB 1 Gold - SP 1.4 - Forum software copyright © 2000-2004 Yet another Bulletin Board

    
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti