Rimsha Masih, rinviato processo

Notizia inserita il 13/9/2012 alle 19:15 nella categoria: Rassegna Stampa

ISLAMABAD (Pakistan) - Il tribunale di Islamabad ha aggiornato senza sostanziali novità il processo a carico di Rimsha Masih, minorenne cattolica con problemi mentali, arrestata e incarcerata con l'accusa di blasfemia, che non era presente in aula per motivi di sicurezza.

Questa mattina, nel corso di un'udienza lampo, i giudici hanno evidenziato che gli inquirenti devono ancora completare le indagini sulla vicenda e chiudere il fascicolo; per questo hanno optato per un rinvio, anche se la data non è stata al momento fissata. Il vescovo della capitale mons. Rufin Anthony, raggiunto da AsiaNews, lancia un nuovo appello per la liberazione della ragazza: «Chiediamo ai giudici - afferma il prelato - il proscioglimento immediato» perché non ha commesso il fatto. In realtà, secondo gli esperti la sorte della ragazza e dell'iter processuale dipenderà molto dal procedimento parallelo nei confronti di Khalid Jadoon Chishti, il leader religioso islamico che ha montato false accuse per incriminare la giovane cristiana e cacciare l'intera comunità dalla zona per requisirne le proprietà.

La prima udienza del dibattimento a carico del religioso islamico è fissata per il 16 settembre e monta già l'attesa; difatti, al suo andamento è legato anche il dibattito in seno all'opinione pubblica per la "revisione" delle leggi sulla blasfemia, che troppo spesso sono sfruttate - come in questo caso - per colpire persone innocenti.

Una vicenda che potrebbe diventare una "pietra miliare" nella storia del Pakistan e dar luogo a una modifica che metta la parola fine agli "abusi" derivanti dalla "legge nera". Una battaglia, ricordiamolo, per la quale hanno sacrificato la loro vita Shahbaz Bhatti, ministro cattolico per le Minoranze massacrato dai fondamentalisti il 2 marzo 2011 e, prima di lui, il governatore del Punjab Salman Taseer, ucciso dalla sua guardia del corpo.

I giudici hanno preferito quindi aggiornare il processo contro Rimsha Masih, che è rimasta nascosta in un luogo protetto per evitare possibili rappresaglie di frange fondamentaliste.

La corte ha concesso altri giorni alle forze dell'ordine per completare il fascicolo di inchiesta, mentre si attende ancora la mossa dei legali della ragazza, che finora non hanno chiesto il proscioglimento. Una decisione che ha destato più di uno stupore, ma che è - con molta probabilità - legata alla volontà di capire quale direzione prenderà il procedimento a carico di Khalid Jadoon Chishti. [...]

di: Jibran Khan
da AsiaNews
data: 13 settembre 2012

(nella foto di AsiaNews: Rimsha Masih e il padre))

comments powered by Disqus
Opzioni di condivisione

Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale solo parzialmente e solo inserendo un link a questa pagina. A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . Leggi le condizioni d'uso complete.

Rassegna Stampa, ultime notizie:
 

 

1315
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti