Cerca

Hollywood mette la Bibbia in burla

Notizia inserita il 18/7/2012 alle 12:26 nella categoria: Rassegna Stampa

HOLLYWOOD - Hollywood si lancia nelle storie bibliche, ma invece di restare fedele alle Sacre Scritture, le trasforma in storie di vampiri, gladiatori e sangue.

Intenti a scrivere horror fiction, a costruite una gigantesca Arca di Noè e a ricucire alcuni capitoli dei Vangeli sono un manipolo di grandi registi: da Steven Spielberg a Darren Aronosfky, da Mel Gibson a Paul Verhoeven e Ridley Scott. Ultimo ad aggiungersi alla lista da Oscar è l'attore Will Smith, al suo debutto dietro la telecamera, con una sceneggiatura su Caino e Abele.

Pare però, dalle ultime indiscrezioni, che Smith abbia intenzione di trasformare la storia di rivalità e gelosia dei due fratelli in una pellicola vampiresca. La Sony ha firmato con Smith (che oltre a dirigere sarà anche protagonista) un contratto che gli permetterà di girare La redenzione di Caino con un ottimo budget: i miliardi sono necessari, se vorrà far concorrenza agli altri kolossal biblici. Il regista Darren Aronofsky rischia di sbancare la Paramount per costruire un'enorme arca di Noè. Il regista di Black Swan finora ha diretto pellicole a basso costo: il suo film da Oscar era costato meno di 5cinquanta milioni, ma stavolta il suo Noè, interpretato da Russel Crowe accanto a Jennifer Connelly ed Emma Watson, sarà tra i dieci film più cari del 2012. Anche lui, come Smith, aggiungerà alla storia raccontata nel libro della Genesi un contorno di pura fantasia, con uno squadrone di enormi angeli senza ali ma con sei braccia, contro i quali si scaglierà Noè. Si legge nella presentazione della pellicola: «Il suo nome è Noè, ma è un uomo diverso dagli stereotipi dei patriarchi della Bibbia. È un lottatore, un Mad Max che vive in un mondo dove non c'è pietà». Vista la partecipazione di Russell Crowe, ci si può aspettare che il suo Noè abbia tutti i connotati del gladiatore.

Il regista Paul Verhoeven sta lavorando sulla nuova "biografia" di Gesù. Come sceneggiatore è stato scelto Roger Avary, che ha alle spalle film horror come Beowulf. Il suo Gesù non ha nulla di divino: sarebbe nato dalla violenza subita dalla giovanissima Maria, violentata da un soldato romano. Il suo Gesù, del tutto umano, è un profeta radicale, che faceva esorcismi e non miracoli, convinto che il paradiso lo si potesse trovare sulla terra; il suo messaggio di pace e fraternità avrebbe sconvolto l'Impero romano e cambiato il mondo, ma in lui non c'è alcun aspetto del Messia dei Vangeli.

Più rispettose verso l'Antico Testamento dovrebbero essere due pellicole sulla vita di Mosè. La prima, tratta da Gods and Kings, una sceneggiatura scritta a quattro mani da Michael Green e Stuart Hazeldine, sarà diretta da Spielberg.
Secondo le prime indiscrezioni Spielberg avrebbe già dichiarato che questo film sarà la sua più grande sfida: la pellicola per la quale, un giorno, vorrà essere ricordato è anche il suo personale omaggio alla fede ebraica.

Spielberg ha detto di volersi ispirare a Braveheart e al suo Salvate il soldato Ryan, con grande attenzione alle battaglie epiche ed ai dettagli della storia di Mosè: l'abbandono sul fiume, l'adozione, l'infanzia presso il faraone, la fuga dall'Egitto e la solitaria vecchiaia, alla guida di un popolo che non aveva ancora raggiunto la Terra promessa.

Il secondo progetto su Mosè è invece del regista Ridley Scott. Il Mosè di Scott, prodotto dalla Fox, verterà sulla relazione del profeta con il faraone Ramses, prima dell'Esodo. Ancora da definire il cast. Si aggiungono poi alla lunghissima lista di favole e horror biblico il nuovo film di Mel Gibson sul comandante israelita Giuda il Maccabeo e quello annunciato sull'infanzia di Gesù, del regista di Harry Potter, Chris Columbus.

In molti casi, il nesso tra Scritture e invenzione registica appare piuttosto discutibile, e infatti farà discutere. L'Antico Testamento è utilizzato come semplice serbatoio di trame accattivanti, ogni aspetto religioso e teologico è relegato in secondo piano. Oggi non si sa più come fare cassetta [...].

di: Silvia Kramar
da: Il Giornale.it
data: 17 marzo 2012

comments powered by Disqus
Opzioni di condivisione

Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale solo parzialmente e solo inserendo un link a questa pagina. A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . Leggi le condizioni d'uso complete.

Rassegna Stampa, ultime notizie:
 

 

1474
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti