Cerca

Kenya, bombe in due chiese

Notizia inserita il 1/7/2012 alle 23:00 nella categoria: Rassegna Stampa

GARISSA (Kenya) - Ancora una domenica di sangue per i cristiani in Africa. In Kenya diciassette fedeli sono rimasti uccisi e almeno cinquanta sono rimasti feriti in un duplice attentato compiuto in due chiese di Garissa, città nel nord del paese, vicino al confine con la Somalia. Gli attacchi si sono verificati quasi in simultanea presso la cattedrale cattolica della città e in una piccola chiesa cristiana appartenente alla congregazione Africa Inland Indipendent Church (Aic). Il bilancio più grave è stato registrato in quest'ultima dove - secondo una prima ricostruzione riferita ai media locali dal vice capo della polizia provinciale, Philip Ndolo - uomini armati e mascherati, prima di fare irruzione all'interno, hanno attaccato e ucciso due poliziotti in servizio e si sono impossessati dei loro fucili usandoli, subito dopo, per uccidere i fedeli raccolti in preghiera.

«Eravamo in un momento di silenzio, poi abbiamo udito un violento boato provenire dal tetto e, successivamente, colpi d'arma da fuoco. Alcuni uomini sono entrati in chiesa, ci hanno ordinato di sdraiarci e poi hanno cominciato a sparare. Tutti gridavano e tanti si lamentavano per il dolore», ha raccontato David Mwange, uno responsabili della chiesa di Garissa. E mentre nella piccola congregazione cristiana si consumava la tragedia, a poche decine di metri, nella cattedrale cattolica, una granata esplodeva ferendo tre persone.

Il duplice attentato segue quello messo a segno lo scorso mese di aprile a Nairobi, nella chiesa della congregazione "Casa dei miracoli di Dio", poco prima dell'inizio della funzione religiosa che provocò un morto e decine di feriti. Tra le prime personalità ad esprimere disappunto per gli attacchi è stato Sheikh Mohammed Khalifa, del Consiglio degli imam e predicatori del Kenya (Cipk), che ha condannato con forza gli attacchi terroristici. «Qualunque persona timorata di Dio non festeggerà mai la morte di persone innocenti che si riuniscono per pregare Dio», ha detto ai media locali il rappresentante dei musulmani in Kenya. E il presidente del Consiglio supremo dei musulmani del Kenya, Abdulghafur El-Busaidy, ha invitato a rispettare "chiese, moschee o templi". [...]

da: tg24
data: 1° luglio 2012

l'articolo completo: http://bit.ly/NVFWpJ

comments powered by Disqus
Opzioni di condivisione

Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale solo parzialmente e solo inserendo un link a questa pagina. A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . Leggi le condizioni d'uso complete.

Rassegna Stampa, ultime notizie:
 

 

1316
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti