"La giustizia seguirai"

Media&Fede del 25/11/2016

Probabilmente nessun versetto della Torà, neppure i grandi appelli dei profeti a favore dei poveri e contro la corruzione del potenti, ha la forza dell’espressione zedeq, zedeq tirdof, ossia «la giustizia, la giustizia seguirai» (Deuteronomio 16,20). Ma seguire è verbo debole e si dovrebbe piuttosto tradurre inseguire o addirittura perseguire, con quella determinazione o quell’accanimento che solo vocazione e passione sanno instillare.

I commentatori ebrei hanno sempre colto la radicalità della ripetizione del termine giustizia, che ricorda le chiamate divine, e l’hanno spiegata ora sottolineando i due livelli di giustizia chiamati cioè «legge e moralità», ora marcando lo spirito di abnegazione con cui l’impresa della giustizia va affrontata: «Che tu ne riceva un profitto o un danno; nella parola e nell’azione; verso un ebreo o verso un non ebreo», è la chiosa di Bachià ben Asher.

Massimo Giuliani - Abramo e Noè diversa giustizia
Avvenire, 15/11/2016

Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/mediaefede/1480077513.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale è benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus
Opzioni di condivisione
Media&Fede recenti:
 

 

529
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti