La fede di Jansons

Articolo inserito il 2/2/2017 alle 18:01

Colpiva, sul Corriere di mercoledì scorso, il titolo "Jansons alla Scala: dirigere è un dono di Dio". L'articolo rivela che Mariss Jansons, uno dei più apprezzati direttori d'orchestra al mondo, parla spesso di fede: prima ringrazia «il mio mestiere, che mi permette di coniugare un’intensa esperienza religiosa a un intenso esercizio fisico», poi sottolinea che «musica e fede sono i cardini della mia vita. Noi musicisti dobbiamo concentrarci sul compito di portare a chi ascolta momenti di gioia e approfondimento spirituale».

Cercando in rete si scopre che già sette anni fa non aveva fatto mistero dell'importanza che Dio aveva nella sua esistenza, tanto che The Guardian ricordava quanto la fede luterana fosse connaturata nella sua vita fin dalla sua infanzia. «Per me le due cose più importanti al mondo - aveva rivelato - sono l'arte e la religione», e nel contempo si era rammaricato per il declino dei valori, ricordando come «nel 21.mo secolo la nostra vita spirituale dovrebbe essere a un livello superiore. Penso che i bambini in Occidente dovrebbero venire messi in relazione con la religione e le arti come parte fondamentale della loro formazione, perché entrambe ci aiutano a riflettere sulle questioni più importanti: perché siamo qui e come dovremmo vivere».



Condizioni d'uso
Puoi ripubblicare questo materiale senza scopo di lucro e solo inserendo in calce la dicitura "fonte: http://www.evangelici.net/notizie/1486054913.html" (comprensiva di link). A titolo di cortesia si raccomanda la segnalazione della ripubblicazione a . La citazione parziale è benvenuta, ma nel rispetto delle condizioni d'uso.

comments powered by Disqus
 

 

412
Copyright e condizione di riproduzione evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl - P.IVA: 01264890052
Il materiale presente in questa pagina si può ripubblicare liberamente ma solo a queste condizioni.
Sono molto gradite donazioni via Paypal, che ci permetteranno di fare di più e meglio. | Contatti